Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | August 8, 2022

Scroll to top

Top

One Comment

Affluente/Feccia Tricolore ‘Split 2015′

Affluente/Feccia Tricolore ‘Split 2015′
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

AFFLUENTE/FECCIA TRICOLORE
‘Split 2015′-LP
(Italian Thrash Attack)
7.5/10


Ritornano ancora una volta gli inossidabili Affluente (la cui mente creatrice fu il leggendario Carlo Cannella, fondatore dei leggendari Stige che nel 1989 incisero uno dei miei album preferiti ovvero ‘Uniti Nell’Abbraccio’, oggi apprezzato scrittore di libri), “Fondametalismo Hardcore dal 1992”. Anche se non ho mai più di tanto seguito le gesta della band di Ascoli Piceno, ho sempre apprezzato la loro dedizione alla causa hardcore. In più li ho visti dal vivo parecchie volte, ed è in quella sede che il gruppo (a mio modestissimo parere) da il meglio di se. Questo nuovo lavoro (condiviso con i più “giovani” Fecce Tricolori) non si discosta di un millimetro dalle precedenti produzioni: rutilante hardcore old school in your face, cantato in italiano e suonato con perizia e quel tocco di ferocia che non guasta mai. I pezzi scorrono via che è un piacere, tutti ad altissima velocità, pieni di cori da cantare a squarciagola (fulgido esempio di ciò il pezzo ‘Pura Luce’). Voce ringhiosa e molto determinata nello sputare critiche contro la società e i suoi usi costumi. I testi come sempre sono assai interessanti, e attraverso metafore, veicolano prese di posizione politiche ben delineate. D’altronde, insieme ai Contrasto, sono uno dei gruppi più rappresentativi di un certo tipo di hardcore con “qualcosa da dire” in Italia. Giriamo il lato del vinile e troviamo i Feccia Tricolore. Attivi dai primi anni’00, i nostri dopo aver inciso un cd ed uno split, giungono al traguardo del vinile. Anche in questo caso hardcore vecchia scuola molto potente e ben fatto, dove però rilevo una maggior “metallizzazione” dei suoni rispetto ai compagni di split. Testi politicizzati, voce graffiante e un’ottima padronanza degli strumenti, ci consegnano un manipolo di brani davvero molto coinvolgenti. Decisamente un’uscita di valore, da supportare.
(Marco Pasini)

Comments

Submit a Comment