Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | December 1, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

AFI ‘(The Blood Album)’

AFI ‘(The Blood Album)’
Salad Days

Review Overview

6.5
6.5
6.5

Rating

AFI
‘(The Blood Album)’
(Caroline)
6.5/10


Dato come un fatto assodato che dagli AFI non è più ovviamente lecito aspettarsi un ritorno alle sonorità più aspre e spigolose degli esordi, c’era comunque un certo interesse nell’ascolto del decimo album in carriera della band di Davey Havok, visto soprattutto un certo rigetto e malumore esternato proprio dal singer americano nei confronti del precedente e discreto ‘Burials’. La pubblicazione del ‘The Blood Album’ desta quindi molte curiosità e l’ascolto dei primi due estratti, disponibili già da parecchio tempo, incrementavano l’attesa visto che sia ‘White Offering’ (brano veloce e grintoso dal ritornello ultra memorizzabile) e ‘Snow Cats’ (brano molto dark dal forte sapore Cure) si sono rivelati nei fatti due ottimi brani. Per fortuna il resto dell’album si mantiene su buoni livelli, con picchi di interesse nella intrigante e punkeggiante ‘Dumb Kids’ e un forte senso del drammatico che si percepisce in ogni nota, riassunto bene in un brano come ‘Get Hurt’ che entrerà facilmente nel lotto dei brani preferiti dai fans. In un mix di Alkaline Trio, The Cure e ovvie auto citazioni con quanto fatto in passato gli AFI hanno sfornato un album davvero piacevole, più coeso e a fuoco del precedente ‘Burials’ e che merita più di un ascolto per essere compreso a pieno.
(Davide Perletti)

Submit a Comment