Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | August 7, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Alter Bridge ‘Walk The Sky’

Alter Bridge ‘Walk The Sky’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

ALTER BRIDGE
‘Walk The Sky’-CD
(Napalm)
7/10


Due sono le cose sicure quando si parla degli Alter Bridge: la prima è che ogni tre anni possiamo aspettarci un nuovo disco, la seconda è che i quattro americani non abbandoneranno mai le loro classiche sonorità alternative rock. Di casi di band fedeli a se stesse fino allo sfinimento sono pieni gli annali (citiamo gli Iron Maiden solo perché sono l’emblema dell’immobilità stilistica nel corso degli anni) e a conti fatti non sempre a questa coerenza stilistica corrisponde una nota negativa, anzi… gli Alter Bridge con ‘Walk The Sky’ fanno esattamente quello che sanno fare e quello che i fan della band si aspettano: riff granitici di Mark Tremonti spezzati da grandi arpeggi e aperture melodiche, ritmiche quadrate e toste, tanti episodi intensi emotivamente (cfr. la titletrack e ‘Clear Horizon’) e la splendida voce di Myles Kennedy come ciliegina sulla torta sonora. Un aspetto piacevole della musica degli Alter Bridge è che nel corso degli anni non hanno mai stemperato la voglia di premere sul pedale dell’acceleratore (vedi anche gli episodi solisti di Tremonti) e un brano teso come ‘Wouldn’t You Rather’ ne è il più fulgido esempio e ben si integra con le influenze post-grunge e hard rock della band. Che sia una scusa per tornare in tour (2 Dicembre a Milano in compagnia di supporting act “di lusso” come Shinedown e Sevendust) l’appuntamento con un nuovo disco degli Alter Bridge è immancabile per tutti gli amanti dell’alternative rock.
(Davide Perletti)

Submit a Comment