Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | September 27, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Arms Like Anchors interview

Arms Like Anchors interview
Salad Days

ARMS LIKE ANCHORS INTERVIEW
Hardcore new school, questo è quanto propongono i milanesi Arms Like Anchors in ‘In A Golden Reign’, EP fresco ed elettrizzante qui introdotto dalle parole del chitarrista Loris Laugelli.

SD: Partiamo con un breve riassunto storico e sul presentare la band a chi legge?
ALA: La band è nata nel 2011 con l’intento di fondere influenze metal/hardcore, seguendo un filo moderno e cercando di metterci sfumature personali. Una volta trovata la formazione definitiva, abbiamo registrato il nostro primo EP ‘The Strangers’ e iniziato a farci le ossa dal vivo condividendo il palco con nomi importanti della scena come Of Mice & Men, Tasters, Young Guns e Your Demise. Ora dopo mesi di lavoro serrato abbiamo finalmente pubblicato ‘In A Golden Reign’, EP in cui crediamo molto e che spero ci faccia crescere sia come band che come musicisti.

SD: Parlando di hardcore new school i nomi che potrebbero aver influenzato il vostro progetto sono diversi, ma lascerei a voi la risposta su quali abbiano effettivamente ispirato gli Arms Like Anchors.
ALA: I nomi sono molti, noi ascoltiamo vagonate di musica quindi è una bella lotta! (risate) Comunque credo che principalmente si possano citare While She Sleeps, Parkway Drive, Attila, Architects e molti altri… Insomma una lista infinita!

SD: Il fatto di essere di Milano e quindi a stretto contatto con moltissime band e live di caratura internazionale ha in qualche modo influenzato il vostro modo di intendere musica?
ALA: Beh i concerti a Milano sono tantissimi e qui fanno tappa anche tour di band molto blasonate. Questo è sicuramente un fattore molto positivo che consente a ogni band di imparare molto su cosa vuol dire “fare uno show dal vivo”. A mio parere tutte le band dovrebbero cercare di osservare da vicino i propri gruppi di riferimento e supportare anche e soprattutto le band locali. Solo così, attraverso le diverse esperienze, si può raggiungere una sorta di maturit

Submit a Comment