Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | January 22, 2022

Scroll to top

Top

Posts By Salad Days

Underoath return with ambitious new album ‘Voyeurist’

January 15, 2022 |

Heavy alternative torchbearers Underoath return with ambitious new album ‘Voyeurist’ out now on Fearless Records. Headlining North American tour in February.
Read More

[New Single] Emma Lee M.C. ‘Campfire’ produced my Emzkey One

January 15, 2022 |

Ahead of the highly anticipated EP ‘Chocolate Bars’ with Roccwell of Germany comes a peek into the full length album also releasing this year by the Ugandan born and Harlem, NYC bred Emma Lee M.C.
Read More

Nightwatchers interview

January 15, 2022 |

I Nightwatchers sono una band punk e vengono dalla Francia. Hanno appena pubblicato un interessante album chiamato ‘Common Crusades’, un disco che mette in luce le gravi ombre della società post-coloniale francese.

Un album carico di significati e allo stesso artisticamente notevole. Abbiamo fatto una chiacchiarata con Julien Virgos, cantante della band.

SD: Il vostro nuovo album ‘Common Crusades’ è uscito da poco. Qual è il feedback?
NW: Finora il feedback è buono! Siamo molto felici del risultato, non vediamo l’ora di suonare il nostro nuovo set in tutta la Francia e l’Europa.

SD: È un album molto esplicito su antiche questioni sociali come il colonialismo e le loro conseguenze nella società moderna. Cosa vi ha spinto a scrivere un album del genere? Pensate che il punk possa avere un impatto nella società francese quando si tratta di questo tipo di disuguaglianze sociali?
NW: Abbiamo scelto questo tema dopo due dischi sulla violenza della polizia, perché la gestione contemporanea della polizia in aree prioritarie della politica cittadina è ancora molto influenzata dal periodo coloniale, senza che questa eredità sia sempre consapevole. Gli scritti di Malika Mansouri o di Manuel Boucher sono molto interessanti su questo tema. Trovo importante sottolineare i legami che esistono con questo periodo e soprattutto con questo territorio, quello dell’impero coloniale francese, che spesso tendiamo ad evitare quando pensiamo alla storia della Francia. L’Algeria era un dipartimento francese non molto tempo fa. La società sta cambiando e le cose si stanno muovendo su questi temi, direi di sì, ma non saprei dire in che modo. La musica punk può avere un impatto nella società francese, su scala molto piccola… il nostro album non cambierà molto riguardo ai problemi che affrontiamo, ovviamente. Ma l’obiettivo è quello di informare e illuminare un argomento di cui la gente non parla / scrive molto nella scena punk / alternativa francese.

SD: Perché la Francia è afflitta dai problemi che riportate nei vostri testi? C’è qualche tipo di critica verso il colonialismo al di fuori delle controculture radicali?
NW: La colonizzazione francese rimane un argomento molto divisivo, basta vedere gli ultimi dibattiti sulla commemorazione di Napoleone Bonaparte. Negli ultimi anni il cursore politico si è chiaramente spostato verso la destra conservatrice, in Francia come nel resto d’Europa. L’attuale governo ha deciso di fare della lotta contro l’”Islam radicale” o “Islam politico” una priorità, in nome della coesione nazionale e dei “valori della Repubblica francese”. Dal nostro punto di vista, questa lotta si inserisce nella continuità della storia coloniale della Francia, in particolare nel contesto algerino. I nostri governi hanno sistematicamente cercato di imporre lì dei valori cosiddetti “universali”, sostenendo che la pratica dell’Islam è incompatibile con essi. Non si parla molto di colonialismo in Francia al momento, ma sempre più persone cominciano a sottolineare un’eredità postcoloniale che il nostro governo rifiuta di riconoscere. Rifiutano ancora di prendersi la colpa e di affrontare la loro responsabilità storica sui crimini che abbiamo commesso in nome dell’Universalismo ad Haiti, in Indocina, in Algeria, in Camerun e così via. Abbiamo un problema con tutte le parti oscure della storia coloniale, come se parlarne e far luce su di essa equivalesse a sputare sulla Francia. Si viene rapidamente etichettati come islamisti, separatisti o quant’altro. Ci si lava con l’importanza del dovere di ricordare, ok molto bene, ma ci si rende conto che la memoria in questione è molto selettiva, e che ci sono certi passaggi che si preferisce mettere da parte quando turbano un po’ troppo il nostro romanzo nazionale. Non ci sarà nessuna riconciliazione, nessuna unità nazionale in Francia finché tutte le memorie potranno essere espresse e non saranno riconosciute allo stesso modo. Il fumo è una parte triste della storia francese. Anche l’uso del napalm in Indocina. La sistematizzazione della terra bruciata, la tortura e lo stupro in tutte le guerre decoloniali pure.

SD: Che tipo di band menzionereste se doveste descrivere i Nightwatchers a qualcuno che non ha mai sentito parlare di voi?
NW: Se non ci hai mai ascoltato, potrebbe essere descritto come un mix tra band come Red Dons, Radioactivity, Mass Hystery, Eagulls, Sad Lovers & Giants… punk cupo e malinconico. Credo che questo nuovo album sia in continuità con ‘La Paix Ou Le Sable’, esplorando un po’ di più alcuni orientamenti post punk.

SD: È difficile per una band francese cantare in inglese e avere un seguito nel proprio paese? Avete un feedback da altri paesi europei?
NW: In Francia siamo abituati ad avere band punk che cantano in francese o in inglese, non è un problema. Naturalmente ad alcune persone non piacerà se canti in inglese, ma non è insolito. Credo che in realtà ci aiuti ad avere un pubblico più vasto al di fuori della Francia. Siamo stati in tour in Germania, Svizzera, Spagna, Repubblica Ceca, Svezia… almeno possono dare un’occhiata ai nostri testi e capire di cosa stiamo parlando. È bello vedere che i temi che trattiamo interessano molte persone fuori dalla Francia.

SD: Come avete iniziato a lavorare con la vostra etichetta svedese, la Lovely Records?
NW: Dopo i nostri primi 2 EP, abbiamo chiesto alla Lövely se sarebbero stati interessati a lavorare con noi sul nostro primo LP. Li conoscevamo per via di Rotten Mind e Dahmers, soprattutto. Erano interessati, così abbiamo organizzato alcuni incontri su Skype per parlarne e la nostra collaborazione è iniziata abbastanza facilmente! Sono stati super gentili e pazienti con noi.

SD: Dove vorreste andare in tour con questo nuovo album?
NW: Inizieremo con la Francia e l’Europa, ma andremo in tour ovunque sia possibile! Il Sud America sarebbe fantastico, ma credo che dovremo aspettare un po’ a causa della crisi dei Covid… condivideremo un paio di concerti con i Rotten Mind a marzo/aprile, eventualmente altri con Marmol in Bask Country a maggio… annunceremo tutti i nostri piani molto presto!

‘DOPE BOYS ALPHABET’ – RECAP

January 15, 2022 |

‘DOPE BOYS ALPHABET’
di Marco Proserpio
(in streaming su Amazon Prime)

Read More

The Hellacopters – release title track of new album ‘Eyes Of Oblivion’

January 14, 2022 |

Swedish high energy rock and roll band The Hellacopters will release their 8th studio album called ‘Eyes Of Oblivion’ on April 1st, 2022!
Read More

Bull Brigade: annunciata la nuova data del release party a Milano

January 14, 2022 |

Nel giorno che avrebbe dovuto vedere lo svolgimento di un evento attesissimo da molti, con un sold out in Santeria Toscana a Milano arrivato nel giro di pochi giorni…
Read More

7615 Stone Island SS’022 Collection Video

January 14, 2022 |

Have a look at the new Stone Island SS’022 Collection Video.
Read More

Siberian Meat Grinder ‘Into The Grinder’ – shot in the best traditions of classic slasher movies

January 14, 2022 |

Known for smashing genre boundaries with their original style and blend of thrash, hardcore-punk, hip-hop, power & black metal and other – sometimes surprising – genres, Siberian Meat Grinder…
Read More

Pennywise announces 2 weekends of So Cal shows at Garden Amp

January 13, 2022 |

Rare intimate shows will see the South Bay punk legends performing their first 5 albums in full over 5 epic nights March 4 & 5 / March 11, 12, 13.
Read More

Korn | ‘Forgotten’ – nuovo singolo

January 13, 2022 |

Oggi i Korn condividono ‘Forgotten’ la seconda canzone dal loro nuovo album ‘Requiem’, in uscita il 4 febbraio via Loma Vista Recordings.
Read More

SUNSET RADIO: IN ARRIVO IL NUOVO EP DI COVER ‘YOUTH ROOTS’

January 13, 2022 |

Attualmente in studio per dar vita a nuovi brani, i Sunset Radio trovano però il tempo per regalare ai propri fan ‘Youth Roots’, un EP di cover composto da sei brani…
Read More

Volcom debuts U.S. Snowboard Team uniforms for the Olympic Winter Games Beijing 2022

January 13, 2022 |

Volcom, an iconic board sports brand owned by Authentic Brands Group (ABG) and the official outfitter of the U.S. Snowboard Team, now unveiled its new uniforms for the upcoming Olympic Winter Games Beijing 2022.
Read More

KINA ‘QUESTI ANNI’

January 12, 2022 |

KINA
‘Questi Anni’-BOOK/CD/DVD
(Kina/Stella Nera/Silentes/Ediciones Bruno Alpini/Dethector/More Nocturne Book)
11/10

Read More

Holding Absence: date sospese!

January 12, 2022 |

È con dispiacere che Hellfire Booking Agency e Hero Booking annunciano la sospensione delle due date italiane del tour degli Holding Absence.
Read More