Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 19, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Bad Religion ‘True North’

Bad Religion ‘True North’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

BAD RELIGION
‘True North’-CD
(Epitaph)
7.5


Non riesco a trovare delle motivazioni decenti per rinunciare al nuovo disco dei Bad Religion. Che è sempre la solita infornata hardcore/punk (e non vuole certo essere il sottoscritto a descrivervela per l’ennesima volta), ma che è anche molto meglio di molta della merda che viene venduta come nuova e che invece è riciclo di scarti. Ma che fa sbavare hipster e modalioli privi di memoria. Chi vi dice che il punk è roba da giovani e che i sei musicisti californiani dovrebbero ritirarsi per superati limiti d’età, non capisce una benemerita mazza. O è colmo di pregiudizi. E non ha manco ascoltato il disco. Saranno pure cinquantenni, ma Brett Gurewitz e compagni spaccano ancora, rinnovando l’urgenza e la tensione che li ha visti eccellere in altri tempi (e altri dischi), ritrovando una durezza di contenuti e confermando una coerenza che ha dello straordinario. Non tutto è perfetto, si sa, ma anche questo sta nel computo. E c’è bisogno di questo ‘True North’ come c’è stato bisogno dei quindici precedenti lavori. Per chi non la pensa così, la traccia numero cinque: ‘Fuck You’.
(Flavio Ignelzi)

Submit a Comment