Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | April 15, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

Belvedere ‘The Revenge Of The Fifth’

Belvedere ‘The Revenge Of The Fifth’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

BELVEDERE
‘The Revenge Of The Fifth’-CD
(Bird Attack)
7.5/10


Sono passati dodici anni (non dico lunghi perché a pensarci bene mi sembrano volati) da quando usciva ‘Fast Forward Eats The Tape’ dei Belvedere, uno dei dischi hardcore melodico più influenti di quegli anni. Dopo tanta gavetta i Belvedere sembrava che ce l’avessero fatta e invece di punto in bianco proprio al culmine della loro carriera si sono sciolti. Il leader Steve Rawles nel frattempo ha aperto una felice parentesi con i This Is A Standoff, con sonorità affini ma non simili, band che ha avuto un buon successo tanto da scrollarsi presto di dosso l’etichetta di Ex-Belvedere, per poi anche loro sciogliersi una volta arrivati all’apice della loro notorietà (brutto vizio questo), ma Mr. Rawles non se ne è stato con le mani in mano e di li a poco tempo ha organizzato una reunion dei Belvedere. I concerti sono andati una figata, il quartetto canadese era rimasto nei cuori di una generazione di skatepunkers e sull’onda dell’entusiasmo hanno registrato questo ‘The Revenge Of The Fifth’ quinto album in studio della band. Scusami il lungo spiegone ma mi è servito per farti un po’ il punto della situazione. 
Veniamo ora al disco in questione, ‘The Revenge Of The Fifth’ riprende il discorso esattamente dove i Belvedere l’avevano lasciato dodici anni fa tanto da suonare referenziale nei loro stessi confronti, di sicuro non spiazza l’ascoltatore, il tempo infatti sembra essersi cristallizzato. I Belvedere quindi fanno quello che sanno fare e ti giuro che lo sanno fare veramente alla grande, e via di hardcore melodico tecnico, pezzi come ‘Years’ e ‘Achilles’ nonostante i virtuosismi di chitarra vi si incolleranno nel cervello per rimanerci per un po’ di giorni. Insomma tutto come da copione, questo disco non deluderà le attese di chi ha fortemente voluto il ritorno di questa band.
Andrea “Canthc” Cantelli

Submit a Comment