Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | April 10, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Bottler ‘Rotten Routine’

Bottler ‘Rotten Routine’
Salad Days

Review Overview

5.5
5.5
5.5

Rating

BOTTLER
‘Rotten Routine’-EP
(Disconnect Disconnect)
5.5/10


Attenzione! Chiamata a raccolta per tutti gli amanti del più classico punk rock anni ’90. Avete presente quelle band che, pur trascorrendo gli anni, riescono ad ogni modo a tirar fuori dischi di un certo spessore suonando due o tre accordi e spingendo sui pratici 4/4? Una volta erano i Descendents, poi i No Use For A Name, gli Alkaline Trio, i Consumed, e gli odierni The Lawerence Arms ad esempio. Ecco tentate per un attimo di raccogliere le influenze di queste poche band appena nominate all’interno di un unico contenitore e riuscirete facilmente a tirar fuori qualcosa di davvero adatto per descrivere il nuovo Ep di questa giovane band inglese che andiamo ad introdurre. Stiamo parlando dei Bottler e del loro nuovo prodotto, intitolato ‘Rotten Routine’, un Ep comprendente sei brani editi per l’etichetta inglese Disconnect Disconnect Records. Partiamo dal fondo? ‘Boys Don’t Cry’, noto brano degli storici The Cure, arrangiato in chiave punk rock, per palati raffinati. Diciamo che l’intero disco si lascia ascoltare ed anche in modo piacevole senza troppe interruzioni di percorso ma qualche pecca c’è. I Bottler ce la mettono tutta ma l’andamento risulta non troppo originale. Ogni brano ha una sua caratteristica, la stessa però trae spunto da qualcos’altro, qualcosa di già sentito mancando di identità propria. La band è molto giovane, si forma nel 2013 e nei suoi anni di attività fino a oggi vanta
parecchie date in giro, molte in affiancamento a band di un certo calibro come Red City Radio, The Gamits fino ai francesi Wank For Peace. Spingono il loro lavoro musicale sin dall’inizio in modo totalmente DIY questo da alla band un valore aggiunto. ‘Rotten Routine’ uscirà il 4 Settembre 2015, date un ascolto, soprattutto se siete amanti di quel sound anni ’90 che sembra stia tornando in auge. A voi gli inglesi Bottler!
(Turi Messineo)

Submit a Comment