Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 16, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

Boy Harsher ‘Lesser Man’

Boy Harsher ‘Lesser Man’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

BOY HARSHER
‘Lesser Man’ (extended version)-LP
(Soft Science/Night People)
7/10


Quello che si assiste, ascoltando Boy Harsher, è uno stupro dolce. E’ una sottile lama che viaggia esplorando il corpo che a volte fa male, ma allo stesso tempo è piacevole. L’album trasuda EBM febbricitante e minimale, con synth cinematici spiegati come in un raggio darkwave. Prendo in esame ‘Pain’, la terza traccia, perché secondo me racchiude un piccolo mondo, un cortometraggio della durata di 7:17, miraggi synth dark affiorano, e parte una linea vocale dolorosa e consenziente, Jae Matthews crea una danza drogata, fuorviante, allucinante. Il refrain è un richiamo al più puro dolore, come buio che penetra violentemente la luce, irresistibile quando continua languidamente a gridare e sussurrare pain, I love pain. Il finale è agghiacciante, la sensazione è di aver contratto qualche dipendenza. Il resto di ‘Lesser Man’ (Extended version) è un gioco S&M pericoloso che rischia di uccidere.
(Giuseppe Picciotto)

Submit a Comment