Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | September 27, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Buffalo Summer ‘Buffalo Summer’

Buffalo Summer ‘Buffalo Summer’
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

BUFFALO SUMMER
‘Buffalo Summer’-CD
(Cargo Records)
8/10


Sono molte le band orgogliosamente portabandiera del suono hard-rock datato, di matrice settantiana, ripreso anche dal look e dal modo di presentarsi. Gli esordienti Buffalo Summer sono gli ultimi della lista (quantomeno da un punto di vista cronologico), ma posseggono un bel tiro e delle buone propensioni. Sottintendendo le solite (banali) cose, e cioè che non inventano nulla, che ripropongono stereotipi fin troppo abusati e blablabla (dagli Spiritual Beggars ai Black Stone Cherry, sono tanti i nomi che si muovono in contesti simili), bisogna comunque ammettere che il quartetto proveniente dal sud del Galles possiede un bel songwriting che li fa emergere dalla massa capellona & a zampa d’elefante che li circonda. Il singolo ‘Down To The River’ trasporta all’istante in territori rurali e southern, con le chitarre folkloristiche a dettar legge. ‘She’s All Natural’ apre su ritmi sostenuti, ‘A Horse Called Freedom’ esalta la propria propensione sanguigna, ‘Ain’t No Order’ vola verso pianeti più heavy mentre ‘Ol’ Duke’ chiude con evidenze country-blues à la Black Crowes. Un revival che sfrutta le radici storiche, quindi, riuscendo a fondere il rock-blues classico con ruvidezze più moderne, preferendo la compattezza delle chitarre ai retaggi eccessivamente country-folk. Bene.
(Flavio Ignelzi)

Submit a Comment