Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | January 27, 2023

Scroll to top

Top

No Comments

Burden Is Burning ‘Make Us live’

Burden Is Burning ‘Make Us live’
Salad Days

Review Overview

6
6
6

Rating

BURDEN IS BURNING
‘Make Us Live’-CD
(This Is Core Music)
6/10


Il termine metalcore è forse tra i più odiati (dalla vecchia scuola) e amati (dai teenager) allo stesso tempo, una situazione davvero incredibile. Ciò nonostante sono ancora oggi moltissime le band che si introducono nel panorama musicale attraverso queste sonorità, come nel caso dei piemontesi Burden Is Burning, attivi da circa un anno e oggigiorno pronti a farsi conoscere al grande pubblico attraverso ‘Make Us Live’. Trattasi di un EP di cinque brani, dove la produzione ha giocato un ruolo fondamentale nella sua buona riuscita e dove la band pur mostrando piccoli limiti ha saputo metterci del suo. Come?! Attraverso buoni doti tecniche in primis, permettendo loro di muoversi con disinvoltura in ambienti più metal oriented (vedi le chitarre), evitando quindi i soliti cliché e dando poi all’elettronica il compito di rendere moderno e “commerciale” il prodotto stesso. A ciò va poi aggiunta una componente fondamentale per ogni alternative band odierna, ossia la produzione dei suoni in studio. E’ incredibile come il livello dei produttori dagli anni’90 a oggi si sia alzato a dismisura, il tutto a favore delle stesse band che oggigiorno possono trovarsi suoni semplicemente perfetti in ogni situazione. E il caso di questa band è sicuramente da annoverare tra essi, il disco è pompato in maniera incredibile, quasi ai livelli di ciò che si sente oltreoceano, giocando tutto ovviamente a loro favore. Ciò su cui bisogna lavorare duramente a mio avviso è la voce, ben impostata nelle parti screamo/growl da rivedere (o addirittura da tagliare in chiave futura) l’utilizzo di parti melodiche, davvero deboli. Un buon punto di partenza su cui costruire qualcosa di importante questo ‘Make Us Live’, consigliato ovviamente a teenager e alla schiera “true” del metalcore made in Italy.
(Arturo Lopez)

Submit a Comment