Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | August 5, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Burns Like Fire ‘To The Ground’

Burns Like Fire  ‘To The Ground’
Salad Days

Review Overview

6.5
6.5
6.5

Rating

BURNS LIKE FIRE
‘To The Ground’-EP
(Autumn + Colour)
6.5/10

‘To The Ground’ è il nuovo disco dei Burns Like Fire, band punk rock proveniente da Athens, Georgia, con alle spalle diversi tour, due singoli ed un full lenght, ‘Down For Life’, edito nel 2011. In questi anni di vita on the road hanno suonato nei più disparati stage del South East americano, dividendo il palco con nomi della caratura di Bad Religion, Strung Out, Propagandhi e collaborando con numi tutelari come Stephen Egerton (Descendents) e Roger Manganelli (Less Than Jake). Una band rodata che fa il suo ingresso nella label di Atlanta Autumn + Colour con un Ep di cinque tracce veloce e compatto, debitore, possiamo dire, delle diverse influenze che a partire dagli inizi degli anni’80 hanno caratterizzato la storia del punk rock mondiale. Se l’opener ‘Jean Shorts’ scorre su territori musicali battuti negli anni 2000 da gente come Anti-Flag o Lawrence Arms, brani come ‘Totally Worth It’ ci riportano indietro alla prima scuola settantasettina (soprattutto al richiamo melodico di gruppi come Ruts e Stiffle Little Fingers) per poi tornare ad un suono maggiormente moderno, colmo di quei sing along tanto cari ai punk rockers americani di scuola nineties. Anche se cinque tracce sono poche, è facile individuare il DNA di una band che suona la propria musica senza nasconderne le influenze dirette. Il risultato complessivo è buono, ancora di più se facciamo riferimento alle melodie, vero punto di forza di questo disco che avrebbe potuto però soddisfare maggiormente l’ascolto grazie ad una produzione più curata, soprattutto riguardo il trattamento delle parti vocali. In ogni caso, siamo di fronte ad una manciata di belle canzoni senza fronzoli, abrasive ma cantabili, come nella miglior tradizione del Punk Rock US Made.
(Diego Pani)

Submit a Comment