Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | July 16, 2020

Scroll to top

Top

Highlights

Six Feet Tall ‘Be Grave With Your Life’ – exclusive listening

June 10, 2020 |

Il lavoro di ‘Be Grave With Your Life’ è iniziato due anni fa, quando dopo il primo disco e le successive date, ci siamo rimessi a scrivere…

…l’idea era di fare qualcosa si diverso che suonasse fresco ma che rimanesse comunque nell’ottica un po’ sghemba che è alla base della band. Non è stato facile far funzionare tutto all’inizio, mancava un elemento che facesse da collante alle varie anime che erano all’interno della band. Poi nel corso della scorsa estate si è unito a noi Michele e nel giro di pochi mesi abbiamo finalizzato i sei pezzi che sono nel disco, nei quali avevamo lavorato nei mesi precedenti. A Novembre del 2019 ci siamo recati presso i Cinque Quarti studio di Roma dove abbiamo fatto le riprese degli strumenti con Lorenzo Amato, nostro amico e collaboratore di lunga data in diversi progetti. Le voci sono state registrate nella nostra città, Perugia, da Alberto Travetti, che ha avuto il ruolo quasi di sciamano. Successivamente Dave Curran ha mixato tutto ai Trai Studio: una sera ad un concerto ne avevamo parlato, ed ha capito perfettamente quale era lo spirito del progetto: è venuto fuori esattamente quello che volevamo per il disco. Del mastering se ne è occupato infine Claudio Adamo, ai Fonoprint Studio di Bologna, un altro nostro caro amico e tecnico fenomenale. Non esiste un vero e proprio filo conduttore nella musica e nei testi, è uscito tutto molto spontaneamentre e di pancia, che è un po’ quello che sta dietro a tutta la band. – Six Feet Tall

I Six Feet Tall fanno base a Perugia ed esordiscono nel 2016 con un EP di debutto per UA’ Records. Girano in lungo e in largo in Italia e fanno un tour in Gran Bretagna nel 2017. Nel 2019 aggiungono un elemento alla formazione, che ora comprende Michele Perla degli eclettici Die Abete alla chitarra, Andrea Gentili e Federico Mazzoli dei monolitici Northwoods, rispettivamente alla batteria e al basso, Diego Coletti, già cantante nei punk rocker Cayman The Animal, alla chitarra e alla voce.

‘Be Grave With Your Life’ è stato registrato a cavallo tra il 2019 e il 2020 tra Roma (Cinque Quarti Studio con Lorenzo Amato) e Perugia (HD studio con Alberto Travetti, dove sono state incise le tracce vocali) ed esprime bene il livello di maturità e personalità raggiunti dal gruppo. Lo stile vario e particolare del disco attinge dalle fonti più disparate (noise rock, post hardcore di stampo Dischord, punk rock e chili di riff quasi metallici) e si avvale del mixaggio di Dave Curran dei newyorchesi Unsane presso il Trai Studio (MI) e del mastering di Claudio Adamo presso il Fonoprint Studio di Bologna.

Tutto il lavoro gioca sul bilanciamento degli opposti: musicalmente è fresco e pesante, spigoloso e morbido nelle melodie; le liriche, dal sapore cupo e vagamente disorientante, si trovano spesso in bilico tra l’evocativo e il concreto, tra lo sconforto e la vitalità.

L’artwork è ad opera di Alessio Marchetti (Tutti I Colori Del Buio, Rope) e l’immaginario da cui attinge (infanzia decontestualizzata) incornicia bene le direttrici che muovono l’EP: la vita, la morte, le maschere viste come ruolo, le (false?) speranze.

*For fans of Whores, Mutoid Man, Jawbox, Coliseum.*

Tracklist:

1. Paleolithic Before Paleo Was Cool
2. Do/Don’t
3. Regaining Soil
4. Hold My Mask
5. Still Waters Are Still Assholes
6. Fear Enough

SIX FEET TALL
MOTHER SHIP RECORDS

0-11

Fairfax Riots by Enzo Mazzeo

June 1, 2020 |

Protest in Fairfax, California for the murder of George Floyd by police brutality.

2v9a1653

2v9a1659

2v9a1666

2v9a1680

2v9a1692

2v9a1720

2v9a1701

2v9a1705

2v9a1730

2v9a1735

2v9a1747

2v9a1751

2v9a1797

2v9a1779

2v9a1780

2v9a1801

2v9a1827

img_3158

img_3175

img_3207

img_3164

img_3172

img_3216

img_3230

img_3234

img_3246

img_3289

img_3309

img_3333

All pictures courtesy of Enzo Mazzeo x Salad Days Mag LA – All Rights Reserved

The Devil’s Rejects – ‘Evil Juice’ (ft Donato Cherchi) – video premiere

May 23, 2020 |

Immaginate di arrivare al bancone di una lurida locanda in un angolo sperduto della Lousiana, di ordinare un bicchiere ed una bottiglia di whiskey bollente…

…mandarlo giu tutto d’un fiato, chiudere gli occhi e scoprire al vostro fianco Lemmy da una parte e Tom Waits dall’altra, che intonano ubriachi una ballata infernale… i TDR sono un progetto nato nel 2020 tra le paludi della Sardegna, che non si pone limiti di genere, se non quello della dannazione eterna attraverso la musica…

Recorded by TDR Feb 2020
Mixed by Emanuele Pusceddu
Video & effects by Corrado Perria

Fb: @666rejects
Ig: devils_rejects_666
Email: devilsrejects.info@gmail.com

Rope ‘Crimson Youth’ – exclusive listening & interview

May 13, 2020 | 1

Alzo il sopracciglio destro sentendo che alcuni membri di Tutti I Colori Del Buio sono ripartiti con una nuova band.

Alzo il sinistro quando leggo che si rifanno a Metz e Drive Like Jehu. Spalanco entrambi gli occhi quando ascolto il primo pezzo che rendono disponibile da un Lp frutto di un’ampia coproduzione (si vedano link a fondo intervista) e da oggi disponibile in streaming anche su Salad Days Mag. Miglior nuovo gruppo italiano se vi piace quel suono che tocca punk, hardcore, noise e promette di essere devastante live per quando torneremo tutti a fare delle cose dal vivo. Risponde Alessio, voce e attualmente membro anche dei carismatici Love Supreme.

SD: Se leggo la parola ROPE in ambito musicale penso subito a due cose: a ‘On A Rope’ dei Rocket From The Crypt e ai quasi omonimi Ropes su Youth Attack che fecero il miglior gadget che io conosca, il cappio da impiccagione a mo’ di arbre magique, che penso sia caro almeno a Simone (basso) vista la copertina dei Peste, il suo altro gruppo. Rilevate un filo conduttore tra voi e questi nomi?

R: Partiamo a razzo con i Rocket From The Crypt, che mi pare calzante: io sono pazzo di tutto quello in cui c’è lo zampino di John Reis, adoro praticamente tutti i dischi in cui ha suonato, alcuni per me sono una totale ossessione e non fanno eccezione i RFTC. Gli Hot Snakes li amiamo tutti, i Drive Like Jehu anche, così come tantissime band di San Diego e più o meno tutto quello dove ha suonato la batteria Mario Rubalcaba (anche lui per un periodo in RFTC e HS). Secondo me ci sta anche di tirare dentro ‘At Rope’s End’ dei New Bomb Turks già che siamo in tema, disco pazzesco, band pazzesca, decisamente più garage però io ce l’ho piantato lì in testa come riferimento. I The Ropes su Youth Attack sono una bella band e a me e Simo piacciono un sacco di uscite di quell’etichetta, ma con loro credo che in comune ci siano 4 lettere su 5 e magari la passione di Simo per i cappi. Direi corda conduttrice in questo caso più che filo conduttore ahahaha.

0-16

SD: Da quel che ho letto, Tutti I Colori Del Buio – da cui arrivano tre/quarti dei Rope – sono nati durante una cena al ristorante cinese, mentre Tanato, che è l’etichetta di Simone, è nata durante una cena casalinga. Anche questo progetto getta le basi nell’arte culinaria?
R: Ma ovviamente si, ti pare che non c’è di mezzo il cibo?! Alla prima prova tutti insieme secondo me abbiamo passato più tempo a decidere dove mangiare la pizza che a provare! Quello è il filo conduttore, magnà!

SD: Rispetto alla vostra band precedente, i ROPE mi sembrano un modo per mantenere una certa visceralità e aggressività nel suono, rendendolo forse meno opprimente. E’ un’impressione valida? Da quel che ho sentito finora sembrano quasi l’ovvio risultato dell’avere riunito voi tre e un chitarrista che penso abbia un retaggio più punk rock, è stato spontaneo come lo immagino?
R: Per noi che abbiamo suonato insieme per parecchi anni era una direzione che già avevamo nella testa e nelle mani da tanto, volevamo suonare con la stessa intenzione e attitudine ma senza per forza ricorrere a tutta la parte black che era stata la cifra stilistica dei TICDB. Alessandro ha suonato per tantissimi anni con i The Ponches che suonavano punk rock/power pop con una venatura di tristezza che li ha resi assolutamente personali e forse per questo poco riconosciuti in un genere molto standardizzato. Ascoltateveli perché sono una perla. L’idea è stata proprio quella di suonare con qualcuno con un retaggio diverso, volevamo partire da una base rock’n'roll e metterci dentro grunge, hardcore e noise rock ed è stata incredibilmente la cosa più facile del mondo. Ci è sembrato di suonare insieme da anni, probabilmente tutti e 4 avevamo delle robe in testa che aspettavano l’incastro giusto per uscire fuori.

0-18

SD: Tutti I Colori Del Buio era un nome perfetto corredato da un piccolo logo semplice ma altrettanto azzeccato. Trovo che anche ROPE sia un bel nome e si accompagni a una bella estetica sul vinile. Parlare di immagine nel contesto punk hardcore è sempre un po’ ambiguo, io non suono, ma ho sempre pensato che fosse una delle parti divertenti dell’avere una band, vale anche per voi?
R: Il nome TICDB è stata una botta di culo da questo punto di vista ahahah, rimaneva in testa facilmente e rimandava a un’estetica che ci ha permesso di mischiare hardcore, giallo all’italiana, horror, il diavolo, la madonna, etc. Funzionava alla grande ma dopo un po’ si è rivelato limitante per noi perché ci aveva ingabbiato in quell’immaginario. ROPE non è certo un nome originalissimo, temo che ci saranno 200 gruppi con lo stesso nome, anche in generi diversi, ma volevamo una parola corta in inglese che si prestasse bene a essere di per se il logo. Io credo che la ricerca di un immaginario estetico, anche per band punk, non abbia nulla di condannabile quando queste sono al servizio della musica e non viceversa. Da sempre le band, anche quelle più integre eticamente, si sono rivolte ad artisti, più o meno affermati, per creare la loro estetica; tipo i Minor Threat con la Connolly per la cover di ‘Out Of Step’ o i Fugazi, che anche se non han mai venduto una maglietta, hanno delle grafiche dei dischi che sono delle bombe atomiche e non credo fossero casuali. Ho curato io le nostre grafiche e penso ci sia l’influenza dell’estetica degli Smiths in cui c’è una sensibilità, una semplicità e una serie di riferimenti che mi hanno davvero colpito tantissimo. Trovo quell’ estetica molto legata al modo di scrivere e ai contenuti di quella band e volevo che le nostre fossero immagini di vita vera, normale e in qualche modo legate all’infanzia/giovinezza, cosa che viene esplicitata poi nel titolo del disco. Volevo provare a trasmettere quel tipo di sensazioni e di pensieri che ho messo nei testi, per la prima volta ho scritto di me e di come mi sentivo e come credo si sentano tanti di quelli della mia età/generazione.

SD: Nella presentazione che avete fatto di voi stessi pochi giorni fa, mi saltano all’occhio alcuni dei nomi che citate. Will Killingsworth (ex membro di Orchid e Ampere tra gli altri), che si è occupato del vostro disco, all’epoca dei Bucket Full Of Teeth dichiarava “molte delle canzoni le scrivevo più come concetti, senza neanche usare la chitarra, cercavo di espandere quelli che mi sembravano i limiti dell’hardcore punk”. Trovo che l’intenzione sia sempre buona, ma cosa rimane da espandere? E’ una necessità che contemplate nei ROPE?
R: Will è stato mitico, ha capito completamente dove volevamo andare ed è stato favoloso lavorare con lui, anche se solo tramite mail lunghissime. Abbiamo parlato in primis delle influenze, di quello che volevamo dicesse questo disco. Forse, più che esplorare la sperimentazione musicale, dovremmo pensare a esplorare la comunicazione, il contenuto e non il contenitore, ecco. Dopo tanto tempo, abbiamo suonato quello che c’era nella nostra testa senza pensare troppo. Vorrei che il prossimo disco, o almeno già i prossimi pezzi, suonassero ancora diversi, vorrei non smettere mai di cercare.

0-14

SD: Menzionate anche SST Records – l’etichetta punk che più alla svelta si è stancata di usare questa parola – che storicamente è sinonimo di stacanovismo e abnegazione. Ma nel 2020 se vi dicessi “adesso dormite sotto le vostre scrivanie in onore di una label che farà la storia ma non vi lascerà un soldo” (una delle pregevoli scene dipinte da Joe Carducci nel suo libro ‘Enter Naomi’), non mi mandereste a quel paese?
R: SST l’abbiamo citata più per le band che ha prodotto che per la sua gestione (vincente solo per Greg Ginn ahahahah ma quella oramai è storia). Credo che abbia fatto incazzare tutti però ha avuto un sacco di lungimiranza sia sulle band che sui “generi”, quindi credo sia normale volersi distaccare dal marchio di fabbrica hardcore punk che forse non gli è mai nemmeno appartenuto più di tanto. Per quanto riguarda il dormire sotto cose, non vedere una lira etc, direi che ne abbiamo già avuto ampiamente la nostra dose, ben consapevoli che non avrebbe portato a nessun risultato di alcun tipo ma solo per il gusto di suonare. Son passati quasi 40 anni da quelle cose e credo non ci sia più quel tipo di ingenuità o speranza, non ci cascherebbe più nessuno, anche se in alcuni casi, vedi Sonic Youth, Dinosaur Jr., Soundgarden, sulla lunga distanza non gli è andata male dai. Ah, e credo che Ginn non l’avesse esplicitato da subito che voleva incularseli tutti.

SD: Infine i Metz, che pure a me piacciono molto ma sono il tipico gruppo di cui non conosco i testi. Vuoi che loro neanche li inseriscono nei dischi, ma oserei dire che non me frega un cazzo di conoscere i loro testi, ai Metz chiedo solo di investirmi, non voglio altro. Vi capita di avere una simile aspettativa da determinati gruppi? Vi darebbe fastidio se qualcuno avesse questa unica e semplice richiesta per i ROPE?
R: Band assolutamente importante, una delle robe nuove in quell’ambito che mi/ci ha fatto drizzare le antenne. Colata di suono e sudore in cui in effetti la voce sembra inserirsi come un quarto strumento, i testi li ho cercati dopo averli visti live e in effetti sono molto semplici con frasi ripetute, forse proprio per funzionare in questa ottica. Sarebbe bello vedere la gente che si diverte, “subisce” e si fa trasportare in qualche modo dalla musica, altro che offesa!

SD: Il music business contemporaneo dice che è inutile pubblicare un disco, decisamente meglio dei singoli corredati da video. Voi state facendo esattamente l’opposto. Per quanto si parli di una nicchia che ha sempre vissuto di regole proprie, esiste un modo per aggiornare anche la sua formula musicale tradizionale? Di contro, la coproduzione che accompagna il vostro Lp è bella e quasi non replicabile in quel music business. Possiamo spendere due parole sulle sei etichette che compaiono sul retro copertina?
R: Possiamo tagliare la testa al toro dicendo che di business qui come in altri gruppi del genere non ce n’è, nella misura in cui non è un lavoro e quindi non c’è nessuna costrizione/implicazione economica. Non trovo nulla di sbagliato nel provare a vendere qualcosa purché sia chiaro l’intento e qui appunto non c’è necessità di vendere quindi possiamo fare come ci pare senza dover rendere conto di nulla. Questa libertà non ce la può togliere nessuno, ce la teniamo stretta ma se qualcuno vuol fare diversamente ben venga; non abbiamo nessun problema ad aggiornare o rivedere le cose. Le etichette sono 6, alcune di vecchi vecchissimi amici, altre di nuovi e non vediamo l’ora di riabbracciarli tutti. Quello che posso dirti è che sono state tutte più che felici di partecipare, abbiamo cercato di fare le cose con cura perché ci teniamo e non perché dobbiamo. C’è una grande stima per tutte le etichette coinvolte, oltre ovviamente all’amicizia perché ci conosciamo da anni e abbiamo condiviso concerti, cene, prove, discorsi da sbronzi e da stronzi.

SD: Qual è la prima cosa che vi viene in mente se ti chiedo di pensare al disco che avete fatto e che sta letteralmente uscendo in questi giorni?
R: Soddisfazione, con tutti i nostri limiti siamo convinti di aver fatto il disco che volevamo e come volevamo. Siamo felici.

0-13

SD: Avendo già pubblicato dischi in vita vostra, immagino ci siano delle cose che possono succedere regolarmente alla loro uscita che siano delle scocciature. Quali sono? Battono la pandemia che ha accolto questo disco dei ROPE?
R: Peggio di questa situazione forse c’è solo aver fatto un disco che ti fa schifo quando lo ascolti ma se parliamo di questioni tecniche penso che il disco che arriva in ritardo, tipo dopo il release party programmato da mesi, sia un grande classico. Mai successo però, ma direi che con il macello di quest’anno abbiamo battuto tutto.

SD: Citando la vostra prima comparsata su Salad Days Mag (n. 26, intervista a TICDB), questo ricambio generazionale è mai arrivato?
R: Se ti riferisci strettamente a quello che è il giro hardcore punk della nostra zona direi non molto. Per tutto il resto (elettronica, indie, rap, trap etc etc etc) direi di si e questo però anche per colpa di un approccio forse troppo ortodosso di tantissime band/persone del nostro mondo e ci metto dentro anche noi. Delle volte mi sembra che si porti avanti un inutile “predicare fra i fedeli” invece io credo che mescolare sia l’unico modo per far avvicinare persone nuove, per far scoprire cose e far venire voglia di far parte di qualcosa.

0-17

SD: Quali sono i gruppi italiani che attualmente vi piace chiamare amici?
R: Peste, The Love Supreme, Khoy, Low Standards High Five, Carmona Retusa, One Dying Wish, Six Feet Tall e potremmo stare qui per ore però così su due piedi butto questi, nessuno se la prenderà se ce li siamo scordati. Paghiamo da bere per scusarci.

SD: Fino a quando non avrò occasione di vedervi dal vivo, nella mia vita rimarranno comunque due momenti indirettamente legati ai ROPE: uno, la vostra data come TICDB in apertura agli ACxDC in un posto che ricordo come una capsula del tempo del metal. Due, i Love Supreme – l’altro tuo gruppo – il 14 febbraio, che potrebbe restare l’ultimo concerto che ho visto per ancora molto tempo. Vi sentite ben rappresentati nei miei ricordi?
R: Due serate assolutamente diverse, follia totale l’ex night club riconvertito in bar heavy metal anni 80 con TICDB ma, al di là del live di 12 minuti, pure The Love Supreme a Osio con i Lleroy è stato un delirio con risvolti catastrofici il giorno dopo quindi sì, ci sentiamo ben rappresentati. Magari musicalmente non c’è molto dei ROPE ma sicuro l’attitudine al disastro totale è quella, per fortuna poi finisce sempre tutto bene! Grazie per averci dato questo spazio, speriamo che il disco vi piaccia.

0-12

CREDITS
-Registrato da Davide Donvito al Magma Studio di Torino (ITA) nel novembre 2019
-Mixato e masterizzato da Will Killingsworth al Dead Air Studios in Massachussets (USA) nel gennaio 2020
-Grafica di Alessio Marchetti

facebook.com/ROPETHEBAND
ropetheband.bandcamp.com
@ropetheband
ropetheband@gmail.com

(Txt Marco Capelli x Salad Days Mag – Pics Matteo Bosonetto)

sonatineproduzioni.bandcamp.com
noreasonrecords.wordpress.com
mothershiprecords.wordpress.com
freshoutbreak.bandcamp.com
facebook.com/NothingLeftRecords
youthoftodayrecords.bandcamp.com

Urlo / The Mon – Ufomammut – interview

April 27, 2020 |

La pausa di Ufomammut permette ad Urlo, cantante, bassista e synth player della band, di tornare a concentrarsi sul suo progetto solista The Mon.

In questa intervista ci racconta la nascita e lo sviluppo di questo altro capitolo della sua vita, in cui vediamo un lato più intimista ed introspettivo. A seguito in anteprima un video live del singolo ‘The Manure Of Our Remains’.

SD: Il tuo primo disco con il progetto solista The Mon esce nel 2018. Quando è nata l’esigenza di suonare da solo?
U: Tanti anni fa, in verità. Dopo l’uscita di ‘Idolum’ ho cominciato a lavorare ad un progetto chiamato Farwest Zombee che col tempo si è evoluto coinvolgendo altri artisti, ma non è mai andato in porto. Quindi ho deciso di fare qualcosa che fosse solo mio e alla fine del 2016 ho iniziato a buttar giù qualche idea. Poco alla volta è nato Doppelleben.

SD: Quando hai iniziato a suonare il synth? Che tipo di sintetizzatore/i usi?
U: Da quando Poia ed io abbiamo cominciato a lavorare alle prime idee di pezzi che poi sarebbero diventati i primi brani di Ufomammut, nell’ormai lontano ’98. Avevamo un Korg MS20 che mi aveva regalato un amico di un mio Zio. Nel tempo ho iniziato ad appassionarmi al suono dei synth e ho un po’ di cose carine, dei Moog, dei Korg, dei Waldorf… ma non disdegno anche i synth
virtuali.

SD: Cosa significa The Mon?
U: Beh, per prima cosa è un suono… demone. Inoltre i “mon” sono gli emblemi giapponesi che identificano un individuo (o una famiglia). Stemmi, in pratica. E il design del nome che c’è sulla copertina di ‘Doppelleben’ ha la funzione di “stemma” per distinguere un semplice nome e dargli un valore unico.

0-11

SD: Di cosa parla ‘The Manure Of Our Remains’?
U: Parla dell’uomo, dello scorrere del tempo e della nostra fragilità. Siamo già spariti, come le nubi in cielo, il respiro su un vetro e come le stelle già morte di cui vediamo ancora la luce. E combattiamo per cause stupide che non fanno altro che cancellare ciò che resta di noi.

SD: C’è un filo conduttore che ispira la tua musica o sono ispirazioni che cambiano e si evolvono di volta in volta?
U: Compongo musica principalmente quando sono di cattivo umore. Quando sento dentro di me la necessità di sfogarmi. Sono una persona abbastanza chiusa e la musica è sempre stato il mio modo di esprimermi e liberare il mio spirito e parlare con gli altri. Non c’è un’ispirazione sola per The Mon, sono storie, momenti.

SD: Come definiresti il sound di The Mon?
U: Non saprei. Non amo le definizioni, è semplicemente quello che faccio, il suono che mi rappresenta, il modo in cui so creare musica ma non saprei davvero definirlo.

SD: Quando senti dare un’etichetta al genere di musica che fai ti capita di sentirlo riduttivo o semplicemente obsoleto? A volte definire un genere può diventare fuorviante.
U: Come dicevo sopra, non mi piace etichettare nulla. I generi sono definizioni sfuggenti che lasciano il tempo che trovano. Mode che cambieranno. C’è stato un momento in cui tutto era stoner, poi drone, quindi doom e presto diventerà altro. Credo che la musica sia semplicemente musica, suonata in modi differenti, con intenzioni diverse, ma con l’intento di toccarci l’anima.

SD: Il video che hai girato e montato sembra quasi un rimando allo Yin e lo Yang, Sbaglio?
U: Lo Yin e lo Yang sono due opposti… non ho pensato a quello mentre lavoravo al video. Ci può stare, certamente. L’idea era quella di cogliere il fluire del tempo, c’è un’istante in ogni ripresa in cui le due metà dello schermo si uniscono e diventano una forma unica, un’immagine sola. E’ un istante, come la nostra esistenza all’interno del passato e del futuro. E’ il presente, che dura un attimo e viene perduto nell’incessante fluire del tempo.

SD: Avere una band ed un progetto solista equivale un pò ai due (o più di due) aspetti del proprio essere che si intersecano, questo è il motivo per cui chiedevo dello yin e dello yang. Ti riconosci di più in una delle due forme o ti appartengono entrambe allo stesso modo?
U: Credo che suonare sia semplicemente suonare. Ho sempre fatto tutto quello che ho voluto, senza mai seguire regole, cercando sempre il massimo della libertà nella fase compositiva. Ho sempre voluto essere me stesso, che fosse Ufomammut o The Mon. Sono sempre io, o almeno una parte di me.

SD: Secondo te è difficile unire la naturalezza dello sperimentare la propria “esigenza” musicale con il business della musica?
U: Sicuramente. La musica diventa sempre di più puro business, divorando il lato artistico della cosa. Negli anni ho visto cambiare tante cose, nascere realtà pronte a divorare altre realtà pur di far soldi, la musica a volte non conta più. Certamente è sempre stato così, i discografici hanno sempre investito per vendere i dischi. Ma oggi è tutto effimero e dura un istante, per poi sparire ed essere sostituito da qualcosa che può funzionare meglio. Consumismo musicale… ho sempre avuto la fortuna di trovare etichette come la Neurot, oppure di produrre con Malleus (e quindi Supernatural Cat) le cose che ho fatto con Ufomammut e con The Mon. E non sempre è andata bene…

SD: La simbologia, sia negli Ufomammut, ma anche in questo progetto sembra essere un’impronta estetica di grande rilievo. Prende spunto da qualcosa?
U: Mi è sempre piaciuto giocare con la simbologia, interpretare le forme per dar loro nuovi significati. Mi piace l’idea che ognuno possa vedere quello che vuole nelle forme che risultano dalle grafiche delle copertine, dei video, di quello che gira attorno a ciò che faccio. Spesso sono immagini e simboli religiosi, ma sono svuotati dal loro significato comune, assumono una nuova identità nelle mie mani e nella mia testa.

SD: Come si sviluppa il tuo percorso creativo? Nascono prima i testi o le musiche?
U: Nascono sempre prima le musiche. Poco alla volta aggiungo strati fino ad arrivare alla forma finale in cui le parole diventano come il formaggio su una teglia di lasagne… ahaha

SD: Quando uscirà il nuovo album di The Mon?
U: Spero dopo l’estate.

SD: Dove è stato registrato?
U: Nel mio studietto casalingo piccolo piccolo che ho chiamato The Howl, in onore ad Allen Ginsberg e al mio soprannome.

SD: Oltre a The Mon ci sono altri progetti in corso?
U: Musicalmente no. Anche perché in questo momento è difficile anche solo portare avanti The Mon.

SD: Cosa consiglieresti di ascoltare in questo periodo?
U: In questi giorni sto postando un po’ degli ascolti che faccio su Spotify, per sentirmi un po’ più vicino alle persone con cui condivido da sempre la mia musica e passioni. Comunque, tra gli ascolti di questo periodo metterei Abul Mogard, Leeched, Trent Reznor, Pinkish Black, Andreas Scholl, MMMD, Jaye Jayle, Etta James, Bohren, Icebreaker and JB Cole, Whores, Pure Mary… niente Trap, mi spiace…

facebook.com/urlothemon
@MonUrlo
@urlo_the_mon
themon.supernaturalcat.com
themon.bandcamp.com
facebook.com/AmpireStudio

(Txt Valentina Vagnoni x Salad Days Mag – All Rights Reserved)

Regarde interview

April 19, 2020 |

Salad Days Mag intervista i Regarde, band vicentina al secondo LP.
Read More

Papa Roach @ Alcatraz, Milano – photorecap

February 28, 2020 |

Papa Roach @ Alcatraz, Milano – photorecap

Pictures by Arianna Carotta x Salad Days Mag – All Rights Reserved.

PAPA ROACH

paparoach-1

paparoach-2

paparoach-3

paparoach-4

paparoach-5

paparoach-6

paparoach-8

paparoach-9

paparoach-10

paparoach-11

Tenacious D @ Lorenzini District, Milano – photorecap

February 26, 2020 |

Tenacious D @ Lorenzini District, Milano – photorecap

Pictures by Arianna Carotta x Salad Days Mag – All Rights Reserved.

TENACIOUS D

tenaciousd-1

tenaciousd-2

tenaciousd-3

tenaciousd-4

tenaciousd-5

tenaciousd-6

Floral Grin ‘S. Marghe’ – exclusive videopremiere

February 21, 2020 |

Floral Grin è lo pseudonimo di Riccardo Volpe, artista emergente classe 1996 nato nella provincia di Venezia.
Read More

Megadeth + Five Fingers Death Punch @ Alcatraz, Milano – photorecap

February 18, 2020 |

Megadeth + Five Fingers Death Punch @ Alcatraz, Milano – photorecap

Pictures by Arianna Carotta x Salad Days Mag – All Rights Reserved.

MEGADETH

1-1

1-2

1-3

1-4

1-5

1-6

1-7

1-8

1-9

1-10

1-12

FIVE FINGERS DEATH PUNCH

1-15

1-19

1-22

1-24

1-26

1-28

1-29

1-33

1-34

1-37

Burton Mountain Mash @ Madonna Di Campiglio, (Tn) – photorecap

February 14, 2020 |

Burton Mountain Mash @ Madonna Di Campiglio, (Tn) – photorecap

Pictures by Andrea Vespignani x Salad Days Mag – All Rights Reserved.

_burton-mountain-smash_5

_burton-mountain-smash_6

_burton-mountain-smash_8

_burton-mountain-smash_9

_burton-mountain-smash_10

_burton-mountain-smash_12

_burton-mountain-smash_13

_burton-mountain-smash_14

_burton-mountain-smash_15

_burton-mountain-smash_16

_burton-mountain-smash_17

_burton-mountain-smash_18

_burton-mountain-smash_19

_burton-mountain-smash_20

_burton-mountain-smash_24

_burton-mountain-smash_30

_mg_9113

_mg_9124

_mg_9125

Milano Tattoo Convention 2020 – photorecap

February 12, 2020 |

Milano Tattoo Convention 2020 – photorecap

Pictures by Arianna Carotta x Salad Days Mag – All Rights Reserved.

tattooconvention-1

tattooconvention-2

tattooconvention-3

tattooconvention-4

tattooconvention-5

tattooconvention-7

tattooconvention-8

tattooconvention-9

tattooconvention-10

tattooconvention-11

tattooconvention-12

tattooconvention-13

tattooconvention-14

tattooconvention-15

Persistence Tour 2020 @ O2 Forum Kentish Town Londra, Regno Unito – photorecap (LEG 2)

February 10, 2020 |

Persistence Tour 2020 @ O2 Forum Kentish Town Londra, Regno Unito – photorecap (LEG 2)

Pictures by Giuseppe Picciotto x Salad Days Mag – All Rights Reserved.

CUTTHROAT

cutthroat1

cutthroat2

cutthroat3

cutthroat5

WISDOM IN CHAINS

wisdom-in-chains1

wisdom-in-chains2

wisdom-in-chains3

wisdom-in-chains4

wisdom-in-chains5

BILLY BIO

billybio1

billybio2

billybio3

billybio4

billybio5

billybio6

billybio7

COUNTIME

countime1

countime2

countime3

Persistence Tour 2020 @ O2 Forum Kentish Town London, UK – photorecap (LEG 1)

February 7, 2020 |

Persistence Tour 2020 @ O2 Forum Kentish Town Londra, Regno Unito – photorecap (LEG 1)
Read More