Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | September 16, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Cayman The Animal interview

Cayman The Animal interview
Salad Days

Dissacranti e innovativi i Cayman The Animal sono ormai da anni una realtà della scena hardcore punk italiana, in molti nel tempo hanno provato a dargli un etichetta o una città di provenienza senza per altro riuscirci, i Cayman sono imprendibili. A poco tempo dall’uscita del loro terzo disco ‘Apple Linder’ incontriamo Diego, voce della band.

Cayman The Animal (live)

SD: Ciao ragazzi e benvenuti, siete una band ormai da parecchio tempo, ma vuoi scrivere un paio di righe di presentazione per chi ancora non vi dovesse conoscere?
CTA: I Cayman the Animal nascono dalla volontà di Diego e Mics, finita l’esperienza con gli Ouzo nel 2009, di creare una band che riportasse l’hardcore old school ai tempi d’oro. Fallita miseramente questa missione dopo pochi giorni, i due chiamano a rapporto i fratelli Birindelli (la storia del punk romano). Dopo il primo concerto il quartetto Cayman diventa subito un quintetto aggiungendo il caro Robèrto (la storia del punk viterbese) nelle proprie file. Robèrto ancora oggi soffre molto di questo concerto in meno sulle spalle. Il resto è un bagno nell’acido.

SD: Un luogo comune su di voi è che siete una live band devastante, eh si mi sento di sottoscrivere anche io questa affermazione, vi preparate per i live in maniera particolare oppure la vostra forza è appunto la spontaneità?
CTA: I nostri live dipendono da molti fattori. Se decidiamo di mascherarci allora è facile e il live funziona da solo. Se invece suoniamo in borghese tutto dipende da cosa dice Diego al microfono tra un pezzo e l’altro (ha sempre il fiatone, si mangia le parole, è incomprensibile) e da cosa dice Mics (che però abusa di ironia e finisce che passiamo per sostenitori dell’Aids, dell’esercito italiano, del fantasma della Democrazia Cristiana, dei professori di matematica). A volte capita che ci auto sabotiamo e allunghiamo il finale dei pezzi, in modo da rendere più difficile l’applauso spontaneo del pubblico. Ancora non abbiamo capito perché lo facciamo. Come avrai notato è tutto molto aleatorio.

SD: Siete arrivati già al terzo disco, di solito il terzo lavoro per una band è il lavoro della maturità dopo le prime uscite iniziali, vi sentite arrivati a questo punto?
CTA: Abbiamo raggiunto la maturità una domenica di marzo di quest’anno, quando in shorts colorati, paradenti, caschetto e pattini ci facevamo malissimo per registrare il video di ‘Easy English’. Là, guardandoci negli occhi, abbiamo capito che ormai eravamo arrivati da qualche parte.

SD: A proposito del video di ‘Easy English’, come è nata l’idea e la collaborazione con il team di Roller Derby?
CTA: La capitana della squadra romana di roller derby è una nostra vecchia conoscenza, quindi la cosa è nata in maniera piuttosto spontanea. L’idea era quella di ribaltare il cliché del macho core, che troviamo insopportabile. Siamo più fan delle Bikini Kill che del New York Hardcore, insomma.

SD: Sento molte influenze differenti nel vostro ultimo disco, è un collage preparato oppure si può ormai parlare di stile alla Cayman The Animal?
CTA: Abbiamo tante influenze diverse ed è successo che ce ne hanno aggiunta qualcuna che non sapevamo. e’ il bello di fare musica: noi ci mettiamo il nostro e chi ascolta ci mette il suo. Una sorta di collage reciproco.

SD: Mi piace il fatto che date molta importanza ai testi pur scrivendoli in un’altra lingua, un pezzo in particolare è dedicato alle liriche scritte da Greg Graffin dei Bad Religion, ce ne vuoi parlare?
CTA: Sì, tengo ai testi come immagino ci tenga chiunque canti qualcosa con la propria voce. Scrivo da sempre in inglese perché mi viene più naturale, avendo comunque sempre ascoltato sopratutto cose americane. A livello espressivo mi trovo parecchio a mio agio così e non mi metterò a scrivere in italiano (come spesso mi viene “intimato” ahah). Prima di tutto perché ammetto di non esserne capace e scriverei dei testi molto brutti. Il secondo motivo è che a questo punto mi sembrerebbe una bella “paraculata”. Ci è anche stato detto di scrivere in un inglese più facile (!), così le persone si imparano le parti anthemiche e ai concerti le cantano. Su questo ovviamente abbiamo subito scritto una canzone (‘Easy English’), facendoci beffa delle frasi fatte hardcore che ci tormentano da una vita, come l’intramontabile “we stand still”. Il testo di ‘Bad Religion­ Italian Dictionary’ è stato divertente da scrivere. Parla della difficoltà che abbiamo avuto da adolescenti nel cercare di tradurre i testi dei Bad Religion, che ci impressionavano per la loro complessità, soprattutto rispetto alle altre cose punk rock che ascoltavamo. “Aó, il cantante dei Bad Religion è LAUREATO! Fa il PROFESSORE!”.

SD: Tu Diego sei nella “scena” italiana ormai da parecchio tempo, con i tuoi occhi esperti come giudichi il periodo attuale?
CTA: Il concetto di scena è un grosso cliché della scena stessa. Parafrasando Totò in “cosa sono le nuvole” potrei dire che la scena appena la nomini non c’è più. E però è anche la caratteristica che più ci piace del punk. Intendo l’aspetto comunitario, il sentirsi parte di qualcosa che va oltre te stesso, l’essere comunque una controcultura anche in questi tempi difficili, fare cose che appaiono incomprensibili alle persone comuni. Tutto questo ha sempre un grande fascino, non c’è niente da fare.

SD: Venite da città diverse, questo per voi rappresenta un problema oppure è uno stimolo? Come fate ad organizzarvi per provare e fare i pezzi nuovi?
CTA: Venire da due città complica solo un po’ di più le nostre vite già incasinate. Il risultato però può essere visto sotto una buona luce per almeno tre motivi. Il primo è che siamo più felici quando riusciamo ad essere tutti alle prove. Il secondo è che se manca qualcuno possiamo preparare dei bellissimi scherzi a chi è assente. Il terzo è che abbiamo due basi: Roma e Perugia.

SD: Prima di salutarci ci vuoi parlare un attimo dei vostri progetti per il futuro?
CTA: Andare a vivere nella stessa città, fare un genere ben definito (pop con tastiere e voce femminile), mascherarci da noi stessi, fare dei live sobri e ricevere applausi.

Txt & Pics by Andrea “Canthc” Cantelli x Salad Days Mag – All Rights Reserved

Submit a Comment