Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | April 25, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Codec ‘Everyday’

Codec ‘Everyday’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

Codec
‘Everyday’-EP
(WRHSmusic)

7/10

Reduci dal loro ultimo EP intitolato ‘Everyday’ (prod. Black Butter Records) i Codec – duo londinese- si cimentano in una varietà musicale che unisce l’elettronica in voga con vocal e lead tipici degli anni 90 opportunamente ricavati dalla House e garage music esclusivamente made in UK. Parliamo di un EP veramente fresco, particolare, che piace ai DJ più selettivi e vecchia scuola ma adatto anche alla nuova generazione di discotecari e festaioli; un sound trascendentale che non tradisce le aspettative e ti prende da subito (o quasi). I Codec operano un restyling più che decente fra le tradizionali “melodie” della garage music unità alla musica House anni 90 elaborando un groove stimolante e una rivisitazione di quello che prima era un genere musicale ristretto; riadattato e senza impegno, da ballare e basta senza essere dei veri intenditori per ascoltarlo. Nel primo pezzo, ‘Is it something’, l’inizio é molto flat e non acchiappa alla prima chi si vuol scatenare costringendolo a sedersi qualche minuto in più a causa di un basso non troppo presente. La perla nascosta sono, però, i campioni vocali tipici della garage anni 90 e i classici toni astratti ed evanescenti di organo M1; insieme rievocano tutto tutto ciò che si é sempre amato della House music. Nella seconda traccia ‘No more’ la musica cambia drasticamente e si scende in profondità, nella deep House martellante: bassi molto potenti e una ritmica coinvolgete, alternata a pezzi vocal decisamente incisivi, trasformano la traccia in un capolavoro. E arriviamo all’ultima, ma non meno importante, track di questo EP, parliamo di ‘Everyday’. Definibile come il pezzo più energico dell’intera tracklist, con questo i Codec dimostrano tutto il loro amore per bassi profondi e oscillanti uniti ad una sincronica melodia e accompagnati da quella magia digitale del suono “made in UK” di cui tutti, almeno una volta, ci siamo innamorati. Una valutazione eccellente che non lascia spazio a commenti di circostanza; non vi resta quindi che sentire dal vivo questo vivace duo londinese che nei prossimi mesi saranno in tournée con diverse tappe importanti, tra cui The Nest (Dalston), Coalition (Brighton), Sub Soul (Ibiza) e Space Ibiza.
(Lorenzo Bonechi)

Submit a Comment