Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | May 20, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Cough ‘Still They Pray’

Cough ‘Still They Pray’
Salad Days

Review Overview

9.5
9.5
9.5

Rating

COUGH
‘Still They Pray’-2xLP/CD/Digital
(Relapse)
9.5/10


Ci sono voluti cinque anni perchè i Cough tornassero sulle scene. E lo fanno da veri signori quali sono. Questo ‘Still They Pary’ (prodotto da Obon degli Electric Wizard) ci consegna un gruppo per il quale l’aggettivo stratosferico rischia di essere alquanto riduttivo. Il loro doom venato di psichedelia con elementi progressive è un viaggio mentale stralunato e incredibilmente affascinante e coinvolgente. Un suono caldo e fumoso vi avvolgerà, mentre verrete condotti alle porte di un lungo viaggio spaziale. La dilatazione spazio-temporale che i Cough hanno creato per questo loro comeback è un qualcosa di difficilmente descrivibile. E’ come essere catapultati in un vortice dai colori acceccanti ma allo stesso tempo tangibili, in cui la nostra anima si eleva e si espande in maniera pulsante, in cui tutto è in continuo mutamento. C’è una sorta di pessimismo cosmico e di alienazione in un turbinio di riff che vi tortureranno il cervello, sospesi idealmente in un non tempo e in un non spazio. La voce ammaliante di Parker Chandler vi catturerà all’istante, in un crescendo emozionale inarrestabile. Un drumming poderoso, che scandisce il tempo verso l’ignoto, accompagnato da un basso lancinante, che crea un’atmosfera pregnante e densa di significato mistico. Non è semplice descrive la proposta musicale di un gruppo come i Cough. Si rischia sempre di dire troppo poco oppure di esprimersi con banalità superficiali. Una cosa però ve la posso dire: un gruppo semplicemente immenso, un’esperienza catartica, il cui cerchio magico si chiude con la sognante ‘Still They Pray’, veramente da pelle d’oca.
(Marco Pasini)

Submit a Comment