Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | February 17, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Crossed Keys ‘Saviors’

Crossed Keys ‘Saviors’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

CROSSED KEYS
‘Saviors’-12”
(Hellminded)
7/10


I Crossed Keys possono considerarsi tranquillamente una all star band formata da gente di gruppi più o meno noti della zona di Philadelphia: il cantante Joshua Alvarez viene dai Halos Of Snake, Dave Wagenshutz da Kid Dynamite e Good Riddance, mentre il bassista Andrew Wellbrock da Zolof The Rock & Roll Destroyer. Alle chitarre invece ci sono Beau Brandly (The Curse, Kill The Man Who Questions, R.A.M.B.O.) e Dave Adoff (Step Ahead, Jackie Thousand). Alcuni di questi gruppi sono veramente di nicchia qui in Italia, ma quelli più noti di sicuro faranno drizzare per bene le antenne su quello che potenzialmente potrebbe essere il suono del gruppo. E infatti le coordinate non sono tanto distanti da quelle sonorità: il quintetto amalgama un suono che pesca tanto da gruppi come The Loved Ones quanto gruppi come Samiam, specialmente per le linee melodiche, senza dimenticare i ritmi più sostenuti, perchè quando Dave Wagenshutz pigia sull’acceleratore non si può non pensare ai suoi gruppi di provenienza. I Crossed Keys non inventano nulla di nuovo, ma quello che emerge dai 7 brani che compongono il loro debutto ‘Saviors’ è un punk rock melodico sincero, un po’ anacronistico perchè non incastrato nelle “mode” del momento e suonato col cuore. Nulla di imprescindibile certo, ma di sicuro una boccata d’aria fresca in un genere che spesso e (mal)volentieri è a rischio di saturazione.
(Michael Simeon)

eaqljhweeywn7klwyoeuzeyowccfqpl19sqkd33kqnhmvhetbesdkbcusyvxle6czu1zz3qcl7jlde8zoajpfahgo1k6pwl31ocmfirnplujskczgaaoog2cd2l9swprm0xrdhgu_sob3olaazwrg4oag5rn3xyw7mas0-d-e1-ft

Submit a Comment