Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | January 26, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

Dark Fortress ‘Spectres From The Old World’

Dark Fortress ‘Spectres From The Old World’
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

DARK FORTRESS
‘Spectres From The Old World’-CD
(Century Media)
8/10


I tedeschi Dark Fortress (il cui unico superstite è il chitarrista e mastermind Asvargr) tornano con un nuovissimo album di black metal melodico. Il sottoscritto non è affatto un fan del genere, troppo poco marcio e putrescente i miei gusti, ma devo ammettere che ho apprezzato. I nostri hanno molta esperienza (si sono formati agli albori dei 90′s) e diversi album alle spalle, tutti accolti con recensioni positive da Metal Archives, fonte alla quale mi rivolgo sempre nelle mie ricerche e recensioni in ambito metal. Parto subito col dire che ci troviamo di fronte alla classica produzione Century Media, quindi perfetta sia dal punto di vista estetico che sonoro. D’altronde, sarebbe difficile aspettarsi il contrario dal gigante di Colonia. Il nostro quintetto suona violento e preciso, facendo tesoro di ciò che il black metal ha creato nel corso degli anni, cioè un suono nichilista e feroce, tagliente come una lama che vi dilania le carni tra fiotti di sangue caldo. La voce di Morean è sadica e mortale, perfetta per il suono proposto dai nostri. I riff sono ficcanti e davvero coinvolgenti, aprendosi alla melodia più pura, ma allo stesso tempo suonando feroci e ammantati di una magistrale luce sinistra. Gli assoli sono magnetici, hanno un retrogusto metal classico e sono perfettamente incastrati nel brutale tessuto sonoro intessuto dai nostri. Sezione ritmica convincente, soprattutto le parti di batteria, varie e spietate nell’esecuzione. In mezzo alla carneficina a base di blast beat, fanno capolino delle aperture melodiche e soffuse con voci eteree e quasi sussurate, che creano un’atmosfera glaciale e fredda. Il tutto si sviluppa attraverso un songwriting maturo e conciso, primo di fronzoli ma allo stesso tempo pieno di dettagli che si scoprono con ripetuti ascolti. Decisamente consigliati…
(Marco Pasini)

Submit a Comment