Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | May 16, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

Deville ‘Make it Belong To Us’

Deville ‘Make it Belong To Us’
Salad Days

Review Overview

6.5
6.5
6.5

Rating

DEVILLE
‘Make It Belong To Us’-CD
(Fuzzorama)
6.5/10


Non sono di certo dei novellini gli svedesi Deville, ragazzotti di Malmö che approdano alla pubblicazione del quarto album della carriera e primo per Fuzzorama Records. Sarebbe ingiusto parlare solo di stoner per descrivere le sonorità di ‘Make it Belong To Us’, perché ci troviamo di fronte ad un album hard rock a tutto tondo e che racchiude in se l’esperienza accumulata in questi anni. Non mancano certo i classici brani desertici (‘Mind On Hold’ su tutti) che pescano a piene mani, ma in modo intelligente e discretamente personale, la lezione dei maestri QOTSA,soprattutto per quanto riguarda la struttura vocale “aspramente” melodiche ad opera del singer e chitarrista Andreas Bengtsson, ma le cose più interessanti si trovano quando i nostri “osano” nel cercare altre atmosfere e sonorità. Ad esempio un brano stratificato e completo come ‘Life In Decay’ descrive bene invece quello che possono “dare” i Deville, che riescono a ricreare in questa song un magma sonoro vicino per certi versi a degli High On Fire meno opprimenti, facendo l’occhiolino al groove della scena di Atlanta (Mastodon of course). In generale in ‘Make It Belong To Us’ ritroviamo ottimi brani molto cadenzati e con una cura maniacale nelle parti di chitarra, davvero piacevoli nel loro incedere e con una cura negli arrangiamenti ben rimarcata. Non c’è il guizzo vincente, il brano che rimane in testa ad oltranza insomma, ed è questo l’unico limite di un disco che non certifica il salto di qualità ma conferma comunque lo stato di salute dei Deville.
(Davide Perletti)

Submit a Comment