Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 24, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Devon Kay & The Solutions ‘Limited Joy’

Devon Kay & The Solutions ‘Limited Joy’
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

DEVON KAY & THE SOLUTIONS
‘LIMITED JOY’-LP
(A-F Records)
8/10


Mi piace quando le band inseriscono i fiati, Rocket From The Crypt e Atom Age restano i miei preferiti, ma se quella direzione Devon Kay l’ha già esplorata con i Direct Hit! (la sua band principale) in un pezzo come ‘Paid In Brains’, nel suo progetto con The Solutions li introduce – in compagnia delle tastiere – per costruire uno sfondo quasi orchestrale a un suono più contemporaneo che colloco vicino a Jeff Rosenstock. In ‘Anything At All’, dove si intravedono sia gli unici 5 secondi ska che i 5 più metal del disco, c’è decisamente l’eco punk rock dei Less Than Jake, ma è dove spremono tutti gli strumenti e la coralità a disposizione (‘In A Praise State’, ‘Oh Glorious Nothing!’, ‘Keep Dreamin’) che riconosco i migliori momenti del disco, quelli da bicchieri che volano durante un concerto sudato e rumoroso da cui le persone escono con un cazzo di sorriso a 32 denti. Rispetto al precedente ‘Yes, I Can’t’ (2019, in origine destinato a Paper + Plastik Records, e poi pubblicato solo online), che pure regalava qualche bel momento, ‘Limited Joy’ alza parecchio il livello e spero che l’avvicinamento a A-F Records (la label degli Anti-Flag) garantisca maggior continuità e possibilità al progetto.
(Marco Capelli)

Submit a Comment