Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | September 20, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Electric Wizard ‘Time To Die’

Electric Wizard ‘Time To Die’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

ELECTRIC WIZARD
‘Time To Die’-CD
(Universal/Spinefarm)
7.5/10


Sarebbe dovuto uscire il primo novembre (come il precedente ‘Black Masses’), il nuovo parto discografico degli Electric Wizard. Quantomeno per mantenere coerenza estetica e concettuale. La creatura musicale di Jus Oborn continua ad essere un monolite inossidabile di potenza heavy-doom, centellinando le uscite (ottavo album in vent’anni di carriera) e generando cloni a iosa. La casa discografica si è inventata il termine “enheavyment” per indicare l’illuminazione (o sarebbe più corretto dire l’oscuramento) a cui conduce il metal del nostro mago elettrico britannico. Le novità da segnalare sono il ritorno del figliol prodigo Mark Greening dietro ai tamburi, e la prima uscita senza il marchio Rise Above Records (l’etichetta di proprietà di Lee Dorrian, garanzia di rock fumoso e rintronante). Descrivere l’ora abbondante di invocazioni psichedeliche e frastornanti che compongono questo come-back ha poco senso. Se amate la lentezza funerea, la pesantezza lisergica, il drone ambient, lo sludge caliginoso, questo disco è quello che fa per voi. Il sottoscritto è sentimentalmente legato a ‘Dopethrone’ e difficilmente uscirà un disco degli EW in grado di competervi (al cuor non si comanda), ma ‘Time To Die’ non delude le aspettative. Ed è già tanto, in questi tempi di magra.
(Flavio Ignelzi)

Submit a Comment