Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | September 16, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Flogging Molly ‘Life Is Good’

Flogging Molly ‘Life Is Good’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

FLOGGING MOLLY
‘Life Is Good’-CD
(Spinefarm)
7/10


Sono passati ben quindici anni dalla pubblicazione di ‘Drunken Lullabies’ e dell’exploit della band dell’ex metalhead Dave King che con il suo esplosivo celtic punk ha portato alla ribalda l’irish pride in salsa punk in tutto il mondo. In tutto questo tempo i Flogging Molly hanno mantenuto saldamente lo scettro di band “regina” del genere, in coabitazione con i loro amici Dropkick Murphys. nonostante il sound si sia fatto mano a mano meno grezzo e più stratificato. Di lustri ne sono passati tre, Dave King è ormai un maturo e riflessivo signore di mezza età con il vizio del punk e ‘Life Is Good’ sembra essere l’esatta trasposizione ai giorni d’oggi di tutte le esperienze del buon singer d’origine irlandese: in questo nuovissimo album troviamo infatti il celtic punk degli esordi (‘Crushed -Hostile Nations-’), i mid-tempo riflessivi e ispirati dal cantautorato americano (C.Ragan e company), le melodie da classifica di un classic rock come ‘Welcome To Adamstown’ e la titletrack e brani più intimi e meno immediati come la sofferta ‘Reptiles (We Woke Up)’, probabilmente un dei migliori brani presenti nella tracklist. I passaggi più folk non sembrano messi ben a fuoco (‘The Bride Wore Black’ smorza e di molto gli entusiasmi) ma in generale ‘Life Is Good’ è probabilmente l’album che rappresenta al meglio le varie sfaccettature dei Flogging Molly e che li fotografa alla perfezione nell’anno di grazia 2017.
(Davide Perletti)

Submit a Comment