Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | December 2, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Floral Grin ‘S. Marghe’ – exclusive videopremiere

Floral Grin ‘S. Marghe’ – exclusive videopremiere
Salad Days

Floral Grin è lo pseudonimo di Riccardo Volpe, artista emergente classe 1996 nato nella provincia di Venezia.

Dopo diversi anni passati a suonare in band emo/punk del circuito Venezia Hardcore, Floral Grin è attualmente frontman della formazione veneziana alt-rock/post-hardcore Mother e ha parallelamente iniziato un percorso solista nel 2017 abbozzando brani con chitarra e voce in lingua inglese. Nel 2018 iniziano le prime collaborazioni con il giovane producer knivez_ (aka Alberto Calabrese, frontman a sua volta della band screamo vicentina Decacy), che vedranno i primi frutti nella primavera del 2019. Il sound di Floral Grin fonde le influenze raccolte nel corso degli anni come musicista, focalizzandosi principalmente sulla scena emo anni’90 e su solo-artist moderni che ne portano avanti le principali caratteristiche come Owen e Julien Baker ma anche artisti hip hop/emo rap italiani ed esteri come Lil Peep, Danger Incorporated, la crew americana GothBoiClique e la crew romana Lovegang.

Con l’aiuto alla produzione artistica di JMilli (già produttore di Cogito e sassofonista/voce nel progetto reggae Patois Brothers), Floral Grin entra in studio nell’autunno del 2019 per registrare il suo primo singolo, ‘S. Marghe’, che uscirà su youtube il 21 Febbraio 2020 e su Spotify e le altre piattaforme di streaming il giorno 28 dello stesso mese. ‘S. Marghe’ è un’uscita indipendente ed è il singolo di apertura del primo EP di Floral Grin, che raccoglierà i brani scritti dall’artista nel corso del 2019 assieme a knivez_ e registrati nello studio di JMilli e che uscirà nell’estate del 2020.

‘S. Marghe’ è un brano urban pop con chiare influenze risalenti alle band emo di fine anni’90 come Mineral e American Football, il quale fonde anche influenze e suggestioni più moderne che vanno dall’emotrap all’indie. Il pezzo descrive attraverso esperienze passate e immagini, il modo in cui i ragazzi di provincia vivono la città di Venezia, ponendosi come testimonianza del romanticismo di una città che sta lasciando sempre più spazio al turismo di massa e alle multinazionali. Il testo è stato scritto dall’artista durante la sua esperienza da studente fuorisede, sue sono anche le chitarre. Il beat di ‘S. Marghe’ è invece opera di knivez_ e la produzione artistica è stata curata da JMilli. Il video è stato girato a Venezia dal giovane videomaker Eddymacktour, il quale ha collaborato con svariati artisti hip hop e pop veneti come Big Mike e Cogito.

Testo:
(Levami sti treni di dosso, mi manchi sia all’andata che al ritorno)
In testa ho solo un ponte vuoto
Ricordi le risse in campo?
Ora ho treni che non tornano più
In testa ho solo un ponte vuoto
Ricordi le risse in campo?
Ora ho treni che non tornano più
Appartamenti universitari
Sentimenti ordinari
Che noia stare li a parlare
Di che cazzo vuoi fare tanto non ci vivrai ad Amsterdam o dove altro cazzo ti pare
Parcheggio all’ittico, la multa da smezzare

Bottiglie negli zaini
I lampioni non ci sono mai stati,
Non farti pare non siamo nulla di speciale
In testa ho solo un ponte vuoto
Ricordi le risse in campo?
Ora ho treni che non tornano più
In testa ho solo un ponte vuoto
Ricordi le risse in campo?
Ora ho treni che non tornano più
Se ora sto posto non è Disneyland dimmi cos è
Vomitavamo cuori nelle calli al buio
Ora ogni vetrina è tirata a lucido
Abbiam ferite che vedi solo col luminol
Lei è stesa in piazza e ha bevuto
Mi guarda come volesse tutto
E dai, forse il 3G non prende sul Ponte della Libertà,
Ma questi occhi non dimenticano nulla
Questi occhi brutti e stanchi non dimenticano nulla
In testa ho solo un ponte vuoto
Ricordi le risse in campo?
Ora ho treni che non tornano più
A S. Marghe non ci vado più, ma penso a te
Ho tatuato un mio fra a casa dei suoi sul pavimento
No che non ti chiamo dai che poi sto sempre e mi lamento
Ho tatuato un mio fra a casa dei suoi sul pavimento
No che non ti chiamo dai che poi sto sempre e mi lamento
Che poi sto sempre e mi lamento

@floral____grin
@eddymacktourprod
@j__milli__
@knivez_

Submit a Comment