Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | January 21, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Fuzz Evil ‘Fuzz Evil’

Fuzz Evil ‘Fuzz Evil’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

FUZZ EVIL
‘Fuzz Evil’-LP
(Battleground)
7.5/10


Si schiaccia il tasto play e si viene accolti da riff decisi e lasciati in sospeso, una batteria fragorosa (piatti in primo piano e sparati in faccia) e un incedere incalzante e pericoloso: ‘Good Medicine’ ci introduce al meglio nel mondo sonoro dei Fuzz Evil che, senza grosse sorprese di sorta, verte intorno a un fuzz stoner molto cadenzato e circolare che trasuda letteralmente deserto, coyote in libera uscita e cactus in primo piano. ‘Fuzz Evil’ è un concentrato di brani che non tralasciano nulla di quanto il buon decalogo della perfetta stoner band prevede e cioè riff grassissimi, solo lancinanti, voce ipnotica e melodie catatoniche condite da una sezione ritmica talmente quadrata e precisa che sembra composta direttamente su ProTools e simili. L’originalità, come spesso capita in questi ambiti sonori, è un surplus e del resto quando ci troviamo di fronte a brani intitolati ‘My Fuzz’, possiamo anche non aspettarci chissà quale idea progressista nel proseguo di ‘Fuzz Evil’… ma l’attitudine e la foga che il terzetto dell’Arizona mette al servizio dei brani riesce davvero a farci innalzare a dismisura l’indice di gradimento. L’estate sta finendo (e un anno se ne va, ma questo è un altro discorso…) ma ci pensano i Fuzz Evil a darci una bella ventata calda desertica per aiutarci a preparare al meglio all’imminente autunno.
(Davide Perletti)

Submit a Comment