Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | April 25, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Gouge Away ‘Burnt Sugar’

Gouge Away ‘Burnt Sugar’
Salad Days

Review Overview

8.5
8.5
8.5

Rating

GOUGE AWAY
‘Burnt Sugar’-LP
(Deathwish Inc)
8.5/10


Dall’hardcore furioso e accecato di rabbia dell’esordio, ‘Dies’, che li aveva mandati in tour con act del calibro di Ceremony e Touché Amoré, il quintetto di Fort Lauderdale dei Gouge Away, capitanato da Christina Michelle, arricchisce, con il nuovo ‘Burnt Sugar’, uscito sul finire dello scorso anno per Deathwish, il proprio spettro stilistico di una buone dose di post-hardcore e influenze noise (Jesus Lizard, Pissed Jeans, Unwound), tanto che, oltre che con i La Dispute, stavolta in tour ci sono andati pure con Russian Circles e Daughters. Insomma ‘Burnt Sugar’ è un enorme salto in avanti per il combo della Florida e nonostante le schegge impazzite, la furia tagliente e la sfrenata urgenza liberatoria è in grado pure di regalarci tanti momenti più emotional, freschi ed eleganti, intensissimi e ragionati facendo propri alcuni tic del math rock, e spingendosi sporadicamente a rasentare certo alternative / grunge come pure qualcosa di shoegaze alla Lush o Pale Saints. La voce di Christina è versatile e capace di assumere le fattezze di una belva selvaggia quanto pure di aprirsi a picchi emotivi ed enormi brividi mentre l’album scivola piacevolmente tra le variegate ed etereogenee dinamiche per tutte le undici traccie. Due i videoclip estratti: ‘Only Friend’ e ‘Ghost’. In generale album imprescindibile per chi ama certe sonorità.
(Santo Premoli)

promoaccessory_774954

Submit a Comment