Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 26, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Heathen ‘Empire Of The Blind’

Heathen ‘Empire Of The Blind’
Salad Days

Review Overview

5
5
5

Rating

HEATHEN
‘Empire Of The Blind’-CD
(Nuclear Blast)
5/10


Non so’ a chi nel 2020 potrebbe interessare un nuovo disco dei californiani Heathen. Forse a chi segue Lee Altus, fondatore della band e in forze da diversi anni negli Exodus. Personalmente ho trovato questo disco fiacco, banale e pieno di idee gia’ viste e riviste centinaia di volte. Il tutto suona mediocre, privo di mordente e senza un minimo di violenza. Perche’ se vuoi suonare thrash metal, la violenza ce la devi avere punto e basta. ‘Empire Of The Blind’ e’ solo un polpettonespeed-techno-thrash borioso senza capo ne coda. Nuclear Blast ci propina la solita registrazione perfetta, con tutti i suoni al loro posto, pulita e ordinata. Che noia. I riff sono scontati, gli assoli lunghissimi e stancanti, la voce poco incisiva. Le poche volte che accelerano sembra si stia provando a rianimare un cadavere. Un pastrocchio con i fiocchi. Se proprio dovete ascoltarli, recuperate ‘Breaking The Silence’ (Combat Records 1987), li erano giovani, genuini ed incazzati. Questa roba se la merita solo qualche 45enne thrasher con i pantaloni larghi… e forse manco lui.
(Marco Pasini)

4eza3up1w9knj0i3a9sasja1dqwydjjtjxv5xpsyo95ub1pmijeijkz-4bqtyop47bfw8yh8mujwdqnl3est7y5adgn40xmwa7yjt-uuv8pbvsttzwop8cv-_m4vqvypwt8vizirgq5chnjfvvl1otpd_voggas0-d-e1-ft

Submit a Comment