Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | April 1, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Heaven Shall Burn ‘Of Truth And Sacrifice’

Heaven Shall Burn ‘Of Truth And Sacrifice’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

HEAVEN SHALL BURN
‘Of Truth And Sacrifice’-DOUBLE LP
(Century Media)
7/10


Il 2016 è stato l’anno in cui i tedeschi Heaven Shall Burn ci hanno dato in pasto il loro ultimo album, quel ‘Wanderer’ acclamato da pubblico e critica come uno dei migliori dischi di death metal melodico di quell’anno. Personalmente non seguo affatto questo genere, ma con gli Heaven Shall Burn faccio un eccezione. I nostri, attivi fin dalla fine degli anni’90, erroneamente a mio avviso sono stati inseriti nel calderone del metalcore, genere orripilante sotto tutti gli aspetti. Con questo ‘Of Truth And Sacrifice’ tornano e mettono le cose bene in chiaro. Questa volta, a detta del chitarrista Maik Weichert, hanno voluto fare le cose con calma e dopo essersi presi una meritata pausa dai tour, hanno rilasciato questo doppio vinile. Il risultato è davvero ottimo, visto che la band cesella 19 brani ricchi di pathos ed epicità, in cui melodia e aggressione pura vanno a braccetto. La voce di Marcus Bischoff è davvero in forma, con il suo usuale timbro urlato e gutturale. La novita’ di questo nuovo album del combo tedesco e’ il fatto che il tutto è stato registrato assieme, quindi non piu’ prima la parte strumentale e poi la voce, ma tutto attaccato ed in contemporanea. Questo ha fatto si’ che lo screaming sia nella sua dimensione live, più grezza ma con decisamente più mordente. La parte strumentale risulta più diretta e calda, quindi meno studiata e artificiosa. Conseguenza di cio’, gli HSB sono tornati ad uno stato piu’ primordiale, curato si’, ma piu’ primitivo. Chitarre impattanti, riff vorticosi, una sezione ritmica che pesta a dovere completano questo doppio di album di ritorno, il dodicesimo della loro carriera. Come sempre i nostri trattano tematiche come i diritti animali ed umani, l’anti-fascismo e nazismo, la critica forte e diretta alla nostra societa’. Tutte cose che in ambito metal non e’ che siano all’ordine del giorno, anzi, spesso derise e messe alla berlina da una manica di hooligans capelloni trangugianti birra che usano la testa solo per fare up and down prima di collassare in qualche latrina ammorbati dal loro stesso vomito. Welcome back, Heaven Shall Burn!
(Marco Pasini)

Submit a Comment