Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 20, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

HIGH PRAISE ‘SPIRITS CRUSHED’

HIGH PRAISE ‘SPIRITS CRUSHED’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

HIGH PRAISE
‘Spirits Crushed’-LP
(Crew Cuts HQ/Blind Rage)
7.5/10


Ci sono dischi e dischi. Ci sono dischi che, seppur validi, scivolano via senza lasciarti un fremito, senza darti quella fame che ti porta a schiacciare di nuovo il play. E poi ci sono quei dischi che riescono a toccare le corde giuste, quelli che ti mettono in pace con te stesso. Dischi che ti mettono addosso la nostalgia di un qualcosa che si deve ancora vivere. Sembrerà banale come concetto, ma mi sembra il modo migliore per introdurre il nuovo lavoro degli inglesi High Praise. Si definiscono quattro punk che suonano punk, tra le loro fila ci sta anche Charlie dei Gnarwolves. Ma sarebbe riduttivo liquidarli così, perché le influenze sono un pelino più marcate di un semplice punk rock, infatti questo ep sarebbe tranquillamente potuto uscire a metà anni 90, a cavallo tra l’alternative rock di gente come Seaweed e Hum e il post hardcore di gente come Quicksand e Handsome, con una spruzzatina malinconica di melodie grunge ed emo stile Doghouse. Prendete tutte queste influenze, frullatele per bene e aggiungeteci una fortissima dose di originalità e avrete i 6 pezzi che compongono questo ‘Spirits Crushed’: canzoni che mostrano una crescita notevole di un gruppo che suona con la personalità di un veterano ma allo stesso tempo fresco e mai banale, come si può sentire nei singoli apripista ‘Dissolve’ e ‘New World’. I featuring di Nick (Dead Swans) e Thom (Gnarwolves) non fanno altro che arricchire un prodotto già di per se molto valido e che lascia ben sperare per il futuro. Altro gran colpo per la Crew Cuts, molto attenta alle novità più interessanti del panorama UK.
(Michael Simeon)

Submit a Comment