Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | September 19, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Hooded Menace ‘Darkness Drips Forth’

Hooded Menace ‘Darkness Drips Forth’
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

HOODED MENACE
‘Darkness Drips Forth’-LP/CD/Digital
(Relapse)
8/10


I finlandesi Hooded Menace si sono ritagliati un posto di tutto rispetto nel fitto panorama doom/death che negli ultimi anni ha letteralmente spopolato fra gli appassionati di musica estrema. Formatisi nel 2007 (con alcuni membri provenienti da band storiche come Phlegethon e Vacant Coffin) e con tre album album alle spalle e numerosi split (tra cui quello con le leggende olandesi Asphyx), tornano con questo nuovo lavoro, fatto di 5 pezzi lunghi e tortuosi. Il tempo sembra dilatarsi inesorabilmente, mentre ascolterete queste canzoni. Il doom/death lento, inarrestabile che i nostri suonano sembra essere fatto apposta per entrare in una dimensione spazio/temporale in cui tutto ciò che conosciamo e diamo per certo si ribalta all’improvviso, dandoci una sensazione di sconforto e di smarrimento. Quello che trasmettono gli Hodeed Menace è una cosa sola: disagio. Verrete catapultati in un’atmosfera appiccicosa, pesante, viziata e viziosa. I riff di chitarra, sepolcrali e mistici, vi condurranno in uno spazio remoto, misterioso e inconcepibile. Orrore, orrore allo stato puro. Gli innesti di death metal sono palesi nell’uso della voce, un growling stantio, che sa di morte e perversione, una immersione totale nel baratro oscuro che compone la vita di tutti noi. La sezione ritmica è un cuore nero e gonfio di depressione e odio, sentimenti che il gruppo porta alla nera luce in maniera terrificante. E’ un suono terrificante, pregno di ogni tipo negatività quello che suonano gli Hooded Menace. La lunghezza dei brani fa si che il gruppo abbia potuto lavorare in modo tale da costruire un magma sonoro che lentamente “vi crescerà dentro”, in una girandola infernale. Ascoltatelo con una sola candela accesa a rischiarare il buio della vostra stanza.
(Marco Pasini)

Submit a Comment