Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 24, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Human Body/Leather Chalice 7”

Human Body/Leather Chalice 7”
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

HUMAN BODY/LEATHER CHALICE
‘Split’-7”
(Broken Limbs/Prison Tatt)
8/10


Ehhh cari miei, saranno pure usciti i nuovi album di Slayer e Iron Maiden, ma se vuoi assaggiare cosa sia il vero metal nel 2015, devi ascoltare split 7” come questo, per catturarne la vera essenza lontana anni luce da mega palchi, ingresso a 50 euro e magliette vendute a 35. Non fraintendetemi: amo i due sopracitati gruppi, però se devo ascoltare qualcosa di realmente estremo, ripiego su altri lidi. Detto ciò, procediamo con la recensione. Human Body sono un gruppo proveniente da Boston, e suonano uno sboccato, svergognato e primitivo black metal. Suoni rozzi, privi di qualsivoglia melodia o accortezza tecnica: solo marciume, purtrefazione, sangue misto merda (ti tengo d’occhio Pasini). Due pezzi che risentono di altri campioni del’ottusità come i primi Venom, mischiati ai Bathory. I Learher Chalice invece provengono dal New Hampshire e sono maggiormente punkizzati, visto che innestano elementi degli immortali Discharge su un tessuto figlio (di puttana, aridaje) dei sopracitati primissimi Venom. Il risultato è puro olocausto sonoro, in cui gli elementi del punk più oltranzista si fondono con quelli del metal più nero e sepolcrale. Pura poesia per le mie orecchie. Completa il tutto una copertina dove un uomo legato, torturato viene inghiottito dalle sempiterne fiamme dell’inferno. Death to all posers!
(Marco Pasini)

PromoImage-1

PromoImage-2

Submit a Comment