Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | April 19, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

Imperial State Electric ‘Honk Machine’

Imperial State Electric ‘Honk Machine’
Salad Days

Review Overview

8.5
8.5
8.5

Rating

IMPERIAL STATE ELECTRIC
‘Honk Machine’-CD
(Psychout)
8.5/10


Sembrano passati mille anni (una ventina in realtà!) da quando Mister Nicke Andersson di punto in bianco, tra i frizzi e lazzi di stampa e kids, mollò gli Entombed per dedicarsi a tempo pieno ai suoi Hellacopters: il tempo gli ha dato ragione perché a distanza di tempo il buon Nicke è ancora sulla cresta dell’onda e bastano le prime note di chitarra, l’attacco di batteria e la prima strofa di ‘Let Me Throw My Life Away’ per metterci di buon umore e salutare con un cinque alto immaginario il ritorno degli Imperial State Electric. La velocità è diminuita, l’attitudine punk (almeno musicalmente) persa, ma le creature di Nicke possiedono sempre quel calore “rock” inconfondibile che spicca in mezzo ai tantissimi cloni, mezze tacche e wannabe in circolazione. ‘Honk Machine’ non presenta nessun pezzo debole, se non forse una curiosa ‘Walk On By’ dall’andamento quasi anni ’50 che di primo acchito spiazza un po’, e non sembra mai di assistere ad una operazione “nostalgia” dove si ripescano sonorità del passato solo per apparire vintage o alla moda (bizzarria dei sinonimi e contrari in ambito musicale!), perché il tutto suona ben amalgamato e fottutamente viscerale. Non mancano i pezzi diretti e veloci come ‘Anywhere Loud’ e ‘Lost In Losing You’ ma il meglio gli ISE lo danno quando alzano il pedale dell’acceleratore ed imbastiscono mid-tempo accorati e da standing ovation immediata, vedi una meda e dolente ‘All Over My Head’. Dalla curva si alza un coro inconfondibile “Imperial State Electric in Italia al più presto!” (segnatevi sul calendario l’11 novembre al Circolo Magnolia a Milano con i Graveyard), ci sarà come sempre da divertirsi! Una certezza.
(Davide Perletti)

Submit a Comment