Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 14, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

King810 ‘Proem’

King810 ‘Proem’
Salad Days

Review Overview

5
5
5

Rating

KING810
‘Proem’-CD
(Roadrunner)
5/10


L’esordio su Roadrunner Records dei King810 del gangsta David Gunn si rivela un mezzo bluff nonostante il patrocinio di mister Robb Flynn, della casata dei Machine Head, e le cronache di live da rivolta urbana. Tolta l’intro che presenta in tutto il suo splendore ‘Murder Town’ (al secolo Flint, Michigan e città che ha dato i natali alla band) e l’outro, sorta di spoken word dove vengono narrate le gioie della vita da strada, ci ritroviamo fra le mani tre brani che sembrano un incrocio mal riuscito tra i Machine Head più soffocanti e le band nu-metal della prima ondata. ‘Killem All’ e ‘Fat Around The Heart’ vivacchiano tra riff-o-rama di stampo KoRn e attitudine gangsta dei Machine Head era “di mezzo” mentre ‘Desperate Lovers’ sembra una cover rallentata dei Coal Chamber più banali. Non basta millantare una vita da tough-guy e le solite cronache di omicidi ed efferatezze varie per risollevare le sorti di un ep davvero trascurabile. Non dubito che dal vivo i nostri sappiamo creare un bel macello, ma da qui a garantirsi un deal con Roadrunner ce ne passa, e fa anche capire quanto gli antichi fasti della storica label metal siano ormai un lontano ricordo.
(Davide Perletti)

Submit a Comment