Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | August 8, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

Last Minute To Jaffna ‘Volume II’

Last Minute To Jaffna ‘Volume II’
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

LAST MINUTE TO JAFFNA
‘Volume II’-CD
(Argonauta)
8/10

Parlare di post-core o post-metal ormai è riduttivo e persino fuorviante per i Last Minute To Jaffna, band che rappresenta ormai una solida realtà del nostro panorama musicale e che approda per questo secondo lavoro sulla lunga distanza su Argonauta Records. Si sente moltissimo in questo album come l’esperienza acustica maturata dal vivo e sul precedente Ep ‘Volume III’ (l’ironia nella numerazione non manca mai!) non sia stata fine a se stessa, ma al contrario abbia incrementato il raggio d’azione della band e apportato tutta una serie di atmosfere ed umori differenti all’interno del sound-LTMJ. Ascoltando ‘Volume II’ ho potuto notare come un aggettivo usato in passato per descrivere la proposta della band (“apocalittico”) sia sempre attuale ma non predominante, visto che ci troviamo di fronte ad un album dall’andamento dolente e sofferente, ma in un certo senso meno disperato rispetto al passato. Facendo una citazione cinematografica sembra di ascoltare la trasposizione audio di qualche opera Lynchiana, per certi versi noir e hard boiled (la prima parte da crooner di ‘Chapter XIII’) dalle atmosfere varie e molto stratificate (i vari cambi d’umore di ‘Chapter DCCXV’) e che portano la band persino a comporre un brano simil drum’n'bass che farebbe felice gli Scorn in versione rock (‘Chapter DCLXVI’). ‘Volume II’ è un album complesso ma assolutamente fruibile, una ulteriore conferma dello stato di salute di una band che ha composto ad oggi il loro album più personale e completo.
(Davide Perletti)

Submit a Comment