Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | January 20, 2022

Scroll to top

Top

Latest News

RVCA // ‘No Straight Lines’ // Asher Pacey

January 18, 2022 |

RVCA Surf advocate Asher Pacey performs his version of a masterclass with his drawing of, you guessed it, ‘No Straight Lines’, in his latest edit filmed around his home country of Australia.
Read More

G FAM BLACK x BOFAAT ‘STATUTE OF LIMITATIONS’

January 17, 2022 |

G FAM BLACK x BOFAAT
‘Statute Of Limitations’-LP/CD/DIGITAL
(DIY)
8/10

Read More

[New Video] Unison ‘Pressure Gets Too Deep’

January 17, 2022 |

With their second comeback release Unison have definitely arrived in the present.
Read More

DC SHOES: NORTHUNDA TRAILER

January 17, 2022 |

DC proudly presents NORTHUNDA, a three part video series highlighting two newest ams, Shaun Paul and Aleka Lang, alongside the rest of the DC team.
Read More

[New Single] Wais P & Pete Twist ‘Light Years’ ft. DJ TMB

January 17, 2022 |

‘Light Years’ is the 1st single off Wais P & Pete Twist’s forthcoming EP titled ‘Hans Gruber’.
Read More

BRAD SIMMS – ‘POWER’

January 16, 2022 |

From humble beginnings to BMX royalty, Brad‘s story is something to admire. He’s had some major setbacks and continues to push through it all.
Read More

Hélas ‘Paris’

January 16, 2022 |

Featuring Lucas Puig, Flo Mirtain, Marek Zaprazny, Thierry Gormit, Gauthier Rouger, Pedro Attenborough, Victor Campillo, Karl Salah, Mikel Vidal, Pierre Leze, William Monerris.
Read More

UGG x CHER

January 16, 2022 |

Santa Barbara, CA (Jan. 2022) – Southern California-based global lifestyle brand UGG® (a division of
Deckers Brands [NYSE: DECK]) has always been an emotional brand because of how it makes you feel.

Read More

G Fam Black & Flu present ‘Hagler Hearns’ (Single)

January 16, 2022 |

After releasing ‘Brocky Marciano’ in 2021 with producer Crack Sizzlack, Brockton emcee G Fam Black is back in 2022 with Australian producer Flu as Starvin Hagler’!
Read More

IGNITE RELEASE NEW SINGLE & VIDEO FOR ‘ON THE ROPES’

January 15, 2022 |

(Orange County, CA – January 2022) – Orange County Melodic-Hardcore heavyweights Ignite have announced the start of their pre-orders for their anticipated next studio-album.
Read More

Underoath return with ambitious new album ‘Voyeurist’

January 15, 2022 |

Heavy alternative torchbearers Underoath return with ambitious new album ‘Voyeurist’ out now on Fearless Records. Headlining North American tour in February.
Read More

[New Single] Emma Lee M.C. ‘Campfire’ produced my Emzkey One

January 15, 2022 |

Ahead of the highly anticipated EP ‘Chocolate Bars’ with Roccwell of Germany comes a peek into the full length album also releasing this year by the Ugandan born and Harlem, NYC bred Emma Lee M.C.
Read More

Nightwatchers interview

January 15, 2022 |

I Nightwatchers sono una band punk e vengono dalla Francia. Hanno appena pubblicato un interessante album chiamato ‘Common Crusades’, un disco che mette in luce le gravi ombre della società post-coloniale francese.

Un album carico di significati e allo stesso artisticamente notevole. Abbiamo fatto una chiacchiarata con Julien Virgos, cantante della band.

SD: Il vostro nuovo album ‘Common Crusades’ è uscito da poco. Qual è il feedback?
NW: Finora il feedback è buono! Siamo molto felici del risultato, non vediamo l’ora di suonare il nostro nuovo set in tutta la Francia e l’Europa.

SD: È un album molto esplicito su antiche questioni sociali come il colonialismo e le loro conseguenze nella società moderna. Cosa vi ha spinto a scrivere un album del genere? Pensate che il punk possa avere un impatto nella società francese quando si tratta di questo tipo di disuguaglianze sociali?
NW: Abbiamo scelto questo tema dopo due dischi sulla violenza della polizia, perché la gestione contemporanea della polizia in aree prioritarie della politica cittadina è ancora molto influenzata dal periodo coloniale, senza che questa eredità sia sempre consapevole. Gli scritti di Malika Mansouri o di Manuel Boucher sono molto interessanti su questo tema. Trovo importante sottolineare i legami che esistono con questo periodo e soprattutto con questo territorio, quello dell’impero coloniale francese, che spesso tendiamo ad evitare quando pensiamo alla storia della Francia. L’Algeria era un dipartimento francese non molto tempo fa. La società sta cambiando e le cose si stanno muovendo su questi temi, direi di sì, ma non saprei dire in che modo. La musica punk può avere un impatto nella società francese, su scala molto piccola… il nostro album non cambierà molto riguardo ai problemi che affrontiamo, ovviamente. Ma l’obiettivo è quello di informare e illuminare un argomento di cui la gente non parla / scrive molto nella scena punk / alternativa francese.

SD: Perché la Francia è afflitta dai problemi che riportate nei vostri testi? C’è qualche tipo di critica verso il colonialismo al di fuori delle controculture radicali?
NW: La colonizzazione francese rimane un argomento molto divisivo, basta vedere gli ultimi dibattiti sulla commemorazione di Napoleone Bonaparte. Negli ultimi anni il cursore politico si è chiaramente spostato verso la destra conservatrice, in Francia come nel resto d’Europa. L’attuale governo ha deciso di fare della lotta contro l’”Islam radicale” o “Islam politico” una priorità, in nome della coesione nazionale e dei “valori della Repubblica francese”. Dal nostro punto di vista, questa lotta si inserisce nella continuità della storia coloniale della Francia, in particolare nel contesto algerino. I nostri governi hanno sistematicamente cercato di imporre lì dei valori cosiddetti “universali”, sostenendo che la pratica dell’Islam è incompatibile con essi. Non si parla molto di colonialismo in Francia al momento, ma sempre più persone cominciano a sottolineare un’eredità postcoloniale che il nostro governo rifiuta di riconoscere. Rifiutano ancora di prendersi la colpa e di affrontare la loro responsabilità storica sui crimini che abbiamo commesso in nome dell’Universalismo ad Haiti, in Indocina, in Algeria, in Camerun e così via. Abbiamo un problema con tutte le parti oscure della storia coloniale, come se parlarne e far luce su di essa equivalesse a sputare sulla Francia. Si viene rapidamente etichettati come islamisti, separatisti o quant’altro. Ci si lava con l’importanza del dovere di ricordare, ok molto bene, ma ci si rende conto che la memoria in questione è molto selettiva, e che ci sono certi passaggi che si preferisce mettere da parte quando turbano un po’ troppo il nostro romanzo nazionale. Non ci sarà nessuna riconciliazione, nessuna unità nazionale in Francia finché tutte le memorie potranno essere espresse e non saranno riconosciute allo stesso modo. Il fumo è una parte triste della storia francese. Anche l’uso del napalm in Indocina. La sistematizzazione della terra bruciata, la tortura e lo stupro in tutte le guerre decoloniali pure.

SD: Che tipo di band menzionereste se doveste descrivere i Nightwatchers a qualcuno che non ha mai sentito parlare di voi?
NW: Se non ci hai mai ascoltato, potrebbe essere descritto come un mix tra band come Red Dons, Radioactivity, Mass Hystery, Eagulls, Sad Lovers & Giants… punk cupo e malinconico. Credo che questo nuovo album sia in continuità con ‘La Paix Ou Le Sable’, esplorando un po’ di più alcuni orientamenti post punk.

SD: È difficile per una band francese cantare in inglese e avere un seguito nel proprio paese? Avete un feedback da altri paesi europei?
NW: In Francia siamo abituati ad avere band punk che cantano in francese o in inglese, non è un problema. Naturalmente ad alcune persone non piacerà se canti in inglese, ma non è insolito. Credo che in realtà ci aiuti ad avere un pubblico più vasto al di fuori della Francia. Siamo stati in tour in Germania, Svizzera, Spagna, Repubblica Ceca, Svezia… almeno possono dare un’occhiata ai nostri testi e capire di cosa stiamo parlando. È bello vedere che i temi che trattiamo interessano molte persone fuori dalla Francia.

SD: Come avete iniziato a lavorare con la vostra etichetta svedese, la Lovely Records?
NW: Dopo i nostri primi 2 EP, abbiamo chiesto alla Lövely se sarebbero stati interessati a lavorare con noi sul nostro primo LP. Li conoscevamo per via di Rotten Mind e Dahmers, soprattutto. Erano interessati, così abbiamo organizzato alcuni incontri su Skype per parlarne e la nostra collaborazione è iniziata abbastanza facilmente! Sono stati super gentili e pazienti con noi.

SD: Dove vorreste andare in tour con questo nuovo album?
NW: Inizieremo con la Francia e l’Europa, ma andremo in tour ovunque sia possibile! Il Sud America sarebbe fantastico, ma credo che dovremo aspettare un po’ a causa della crisi dei Covid… condivideremo un paio di concerti con i Rotten Mind a marzo/aprile, eventualmente altri con Marmol in Bask Country a maggio… annunceremo tutti i nostri piani molto presto!

‘DOPE BOYS ALPHABET’ – RECAP

January 15, 2022 |

‘DOPE BOYS ALPHABET’
di Marco Proserpio
(in streaming su Amazon Prime)

Read More