Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | April 15, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

Liferuiner ‘Future Revisionists’

Liferuiner ‘Future Revisionists’
Salad Days

Review Overview

6.5
6.5
6.5

Rating

LIFERUINER
‘Future Revisionists’-CD
(Transcend Music)
6.5/10


‘Future Revisionists’ ovvero lo strano caso di una band che si chiama Liferuiner, che negli anni ha perso tutti i suoi componenti originari, ma che continua a vivere e pubblicare nuovo materiale con tale nome. Non solo, ma questa nuova uscita si pone pure in totale discontinuità rispetto al passato. Forse sarebbe stato il caso di avviare un nuovo progetto? Alla fine poco importa, visto che ‘Future Revisionists’ si fa apprezzare per le sue innovazioni rispetto alla storia della band, fatta di breakdown, ancora breakdown e nulla più. Adesso se ne contano assai meno, sicuramente ai margini della composizione, mentre prendono molta importanza parti strumentalmente melodiche, pesanti e sofferte. I ritmi delle canzoni rimangono bassi, in accordo con gli strumenti droppatissimi, che non consentono una dinamica estrema all’interno delle canzoni, ma che contribuiscono ad atmosfere cupe e violente. I toni epici delle dieci tracce sorprendono a partire dalla canzone iniziale ‘Vacant’, che fa pensare più ad un album dei Cult Of Luna che non dei Liferuiner; sensazione che si ripete più volte durante questa mezz’ora abbondante, come ad esempio in ‘Fissure’. Si tratta di una sorpresa ben accetta, per una band che in ogni caso aveva un gran bisogno di rinnovamento. Le nuove parti post­metal risultano addirittura quelle migliori dell’album, che per il resto esprime un metalcore ascoltabile, ma non incisivo, un po’ monotono alla lunga anche perché si porta dietro un sapore di già sentito, sulla scia del metalcore un po’ modaiolo. Si tratta comunque di un buon ritorno per i Liferuiner(?), sicuramente sorprendente.
(Francesco Banci)

PromoImage

PromoImage-1

Submit a Comment