Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | March 20, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Malevolent Creation ‘The 13th Beast’

Malevolent Creation ‘The 13th Beast’
Salad Days

Review Overview

9
9
9

Rating

MALEVOLENT CREATION
‘The 13th Beast’-LP
(Century Media)
9/10


I Malevolent Creation, leggendario combo death metal dalla Florida (ma nativo di Buffalo, nello stato di New York), tornano con il tredicesimo album. Hanno assorbito la morte per cancro al colon del leader e fondatore Brett Hoffmann (che comunque era già uscito di scena nel 2016, ma che era già stato sostuito in passato, come poi tutti i membri originari, anche se ritornati in seno alla band più volte nel corso degli anni) e, dopo aver rivoluzionato la line up ancora una volta (solo Phil Fasciana è rimasto nei ranghi, altro fondatore nel lontano 1987), sono tornati con questo album. Libero subito il campo: non fanno prigionieri. Death metal old school sparato in faccia, senza alcun tipo di cortesia. Tutto viene giocato sulla velocità, con blast beat rompicollo e riffing di chitarra mostruosamente sanguinari. Il nuovo entrato alla voce, Lee Wollenschlaeger è di una brutalità e violenza senza pari, con un growl profondo e lancinante. Si cimenta anche nella chitarra, contribuendo a creare un muro di suono di una ferocia incredibile. I nuovo acquisti al basso e batteria sono di primissimo livello, precisi e chirurgici nello smantellarvi le budella. Il suono dei Malevolent Creation è pura furia cieca e incontrollata, in grado di frantumarvi le ossa mentre si beve il vostro sangue fino all’ultima goccia. Personalmente li ho sempre amati, perchè rappresentano ciò che intendo io per death metal. Morte e distruzione totali.
(Marco Pasini)

Submit a Comment