Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | January 24, 2022

Scroll to top

Top

One Comment

Mustasch ‘Thank You For The Demon’

Mustasch ‘Thank You For The Demon’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

MUSTASCH
‘Thank You For The Demon’–LP
(Gain Music)
7.5/10


Arriva anche il settimo album per i Mustasch, quartetto svedese di Göteborg, dedito ad un compromesso tra heavy metal e hard rock, che in questo ‘Thank You For The Demon’ riesco ad apprezzare per le venature più “pop” rispetto a molti dei cugini nel loro campo. Dicevo, più “pop” perché non essendo troppo amante della parte metallona e tecnica fatta di assoli e virtuosismi, i Mustasch limano queste asperità dandoci in pasto questo “heavy metal for the masses”, che possiamo trovare bene o male in tutti i nove pezzi che vanno a scrivere ‘Thank You For The Demon’: ‘Feared And Hated’ è una serie di esplosioni a catena che subito all’inizio ci illude facendoci credere ad una ballatina per educande, come poi la title track con un piano ad aprire all’arroganza melodica; ‘From Euphoria To Dystopia’ cede alla parte più heavy metal, mentre ‘The Mauler’ a quella più oscura e sludge (anche se non lo è), riemergendo con ‘Borderline’ e la ballatona da sette minuti ‘All My Life’. ‘Lowlife Highlights’ a parte il titolo geniale scende un po’ di livello rispetto alle altre tracce peccando forse per un po’ troppa anonimità, ma si recupera con ‘I Hate To Dance’ che è la più ballabile e ricorda certe atmosfere degli White Zombie, ma più rock, chiudendo con ‘Don’t Want To Be Who I Am’ che è mezza acustica e orchestrale. Insomma, in questo ‘Thank You For The Demon’ ce n’è per tutti i gusti e non mancano varietà e originalità nei pezzi, anche se l’unica pecca che possiamo imputare ai Mustasch è la scarsa durata dell’album, 37 minuti netti, ma sono cose su cui si può anche sorvolare.(Fabrizio De Guidi, @fabriziodeguidi)

Comments

Submit a Comment