Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | April 15, 2021

Scroll to top

Top

No Comments

Necrofili ‘Immaculate Preconception’

Necrofili ‘Immaculate Preconception’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

NECROFILI
‘Immaculate Preconception’-EP
(Autoproduzione)
7/10


‘Immaculate Preconception’ dei reatini Necrofili è un ep dall’acre sapore di zolfo, il nuovo lavoro è un concentrato di thrash/death metal old school screziato da lugubri intermezzi che lambiscono certe sponde gothic metal. Sostanzialmente i brani si sviluppano con trame dal piglio veloce e serrati, contrapposti a sorprendenti contro-tempi e rallentamenti quasi doom, il tutto suggellato da una graffiante voce che presenzia costantemente come una spina nel fianco. Anche se alcuni brani risultano un tantino lunghi, l’attenzione nei risvolti di questi è sempre alta. Molto suggestiva è l’opener ‘A Lullaby For Reason’ dove l’apparente brano strumentale, punteggiato da un arpeggio curiosamente prog, ha come sottofondo le parole di Giordano Bruno che racchiudono poi il concetto/tema che ha dato titolo all’intero lavoro: la lotta contro i pregiudizi, di qualunque origine essi siano. E poi ‘Campo De’ Fiori’ brano centrale di questo ep ed anche il più articolato: una parte iniziale acustica che prepara il terreno ad una sferzante parte centrale possente e vertiginosa fino a diventare cadenzata e soffocante, sottolineata da un sofferente cantato in lingua italiana e anche in questo brano il filo rosso di Giordano Bruno esce fuori ricordandoci la condanna a morte avvenuta nel 1600 da parte della chiesa cattolica, proprio nella piazza che dà il titolo al brano. I Necrofili sono sicuramente una band fuori dalle mode e dalle tendenze, il loro sound e il loro modo di vedere le cose vanno a braccetto con la libertà di pensiero e con l’assenza di ogni forma di pregiudizio. Ispirata ed inquietante l’art-work di copertina di Claudia Ianniciello.
(Giuseppe Picciotto)

Submit a Comment