Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | December 3, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Necrophobic ‘Dawn Of The Damned’

Necrophobic ‘Dawn Of The Damned’
Salad Days

Review Overview

6.5
6.5
6.5

Rating

NECROPHOBIC
‘Dawn Of The Damned’-CD
(Century Media)
6.5/10


Il ritorno dei Necrophobic, band di punta del death metal svedese, non mi ha entusiasmato troppo. I nostri sono in corsa dal 1989, ci hanno regalato una perla (nel 1993, il debutto) che e’ ‘The Nocturnal Silence’, hanno subito una serie di cambi di line up (tanto che l’unico membro originale e’ il batterista e fondatore Joakim Sterner, mentre l’altro fondatore Blackmoon se ne ando’ nel 1996, per poi suicidarsi nel 2013) e si sono sbattuti per i palchi di mezzo mondo. Il problema di questo platter e’ che dopo un po’ stanca, nel senso che e’ ripetitivo e usa le medesime formule in tutti i 10 pezzi che lo compongono. Musicalmente nulla da eccpire: suona veloce, con una buona dose di melodia e l’affiatamento c’e’ e si sente. I chitarristi Sebastian Ramstedt e Johan Bergeback (ritornati in formazione dopo 5 anni di pausa), sono due asce da guerra, pronte a scuoiarvi, ma alla lunga i riff sono sempre quelli. La sezione ritmica martella come un dannato all’inferno, ma senza picchi particolari di creativita’. La voce di Andres Strokirk invece e’ maligna e vogliosa del vostro sangue come sempre. Non e’ un brutto disco ci mancherebbe, solo un po’ piatto…
(Marco Pasini)

Submit a Comment