Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | February 7, 2023

Scroll to top

Top

No Comments

Nesseria ‘Fractures’

Nesseria ‘Fractures’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

NESSERIA
‘Fractures’–Tape
(Throatruiner)
7/10


Orleans, città di Giovanna D’Arco, è oggi patria di qualcosa di molto più aggressivo, capace, all’evenienza, di scacciare gli invasori inglesi col solo aiuto di uno stereo. I Nesseria infatti sono un bel pentolone d’olio bollente rovesciato addosso, che brucia e fa soffrire; la band sforna le dieci tracce di ‘Fractures’, secondo full length ancora sotto la micidiale Throatruiner Records, masterizzato tra l’altro al New Alliance East, già luogo di visita di Converge, Gaza, ed altre band a cui i Nesseria si riferiscono. Il loro hardcore è violento e disperato come ricerca l’impronta dell’etichetta, fatto di frenesia e blast beat, ma anche di atmosfere ambient, tristi e cupe, come ad esempio nella traccia che dà il titolo al disco. Lo screaming estremo che accompagna quasi tutti i brani è un urlo straziante senza fine, tanto cattivo quanto ben calibrato. I Nesseria provocano il disagio che ci si aspetta da una band di questo genere, che quindi risulta positivo; una sofferenza vitale ben spiegata anche a livello di sound. ‘Fractures’ è sicuramente un album di qualità nell’ambiente black dell’ hardcore, con l’unico difetto di non riuscire ad essere ben riconoscibile rispetto ad una produzione che inizia ad essere importante nei numeri e nel livello generale.
(Francesco Banci)

Submit a Comment