Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | January 21, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

New Killer Shoes ‘I Ain’t Even Lyin’

New Killer Shoes ‘I Ain’t Even Lyin’
Salad Days

Review Overview

6
6
6

Rating

NEW KILLER SHOES
‘I Ain’t Even Lyin’’-CD
(Gospel Oak Recordings)
6/10


Fare da spalla ai Brad può portare un po’ di visibilità ai New Killer Shoes, acclamata (dagli uffici stampa) new sensation della scena inglese. Arrivano da Redditch, Worcestershire, sono in quattro e suonano un rock che è un po’ punk, un po’ ska, un po’ shoegaze. Accostarli agli Arctic Monkeys o agli Strokes serve solo ad alzare il polverone attorno a loro, perché un disco come ‘I Ain’t Even Lyin’ restituisce un suono che possiede così tanti riferimenti da non farne emergere nessuno in particolare. Qualcuno ha parlato di “grit-pop” (un gioco di parole con il verbo “to grit”, digrignare i denti), che poi sarebbe una versione ammodernata del brit-pop. Se pure fosse, non è niente per cui perdere il sonno. I NKS digrignano poco i denti, sono anzi abbastanza ordinati e coscienziosi, musicalmente tutt’altro che provocatori: buone le chitarre, avvolgenti le ritmiche (anche in levare), sanguigna l’impostazione data al sound dal produttore Dan Sprigg (LostProphets, Napalm Death, Bring Me The Horizon). È vero: pezzi come ‘Popcorn’ o ‘I Know You Want It’ sono forti, svelti e furbetti, degni di essere canticchiati dal nuovo popolo del rock. Ma non griderei al miracolo per così poco.
(Flavio Ignelzi)

Submit a Comment