Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | December 4, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Overkill ‘Live In Overhausen’

Overkill ‘Live In Overhausen’
Salad Days

Review Overview

6.5
6.5
6.5

Rating

OVERKILL
‘Live In Overhausen’-DVD/Blu-Ray
(Nuclear Blast)
6.5/10


Gli Overkill sono uno dei capisaldi del thrash metal made in Usa, almeno fino al 1991. Poi dopo la release di ‘Horroscope’, i nostri hanno cercato di seguire i trend (tradotto sta a significare: continuare a mangiare) proponendo dei dischi molto groove oriented, che ovviamente il sottoscritto ha evitato come la peste più nera. D’altronde, dopo aver pubblicato mostruosità (in senso buono) come ‘Feel The Fire’, come cazzo fai ad uscire con album come ‘I Hear Black’? Dopo che quindi negli anni’90 i più li hanno evitati, i nostri son tornati (in piccola parte) alle loro radici nel 2010 con l’album ‘Ironbound’. A suggellare il contratto con Nuclear Blast e per festeggiare i capolavori ‘Feel The Fire’ e ‘Horrorscope’ (seguiti nella loro interezza), se ne escono con questo live nuovo di zecca. Dove? In Germania, dove se no? Nel mercato più ricettivo a livello di vendite per i nostri 5 yankees. Precisamente Turbinenhalle 2 di Oberhausen. Inutile dire che il tutto è confezionato, presentato e suonato in maniera sontuosa. Registrazione perfetta, Overkill in forma scintillante e ottima interazione con il pubblico. L’ugola di Blitz è ancora quella di uno psicopatico, ruvida e maligna. Il basso dell’altro superstite D.D. Verni è martellante, mentre le chitarre duellano che è un piacere. Drumming assassino, veloce e preciso come la morte. I pezzi si susseguono che è un piacere, sciorinando tutti i loro grandi classici. Conclude il tutto l’anthem ‘Fuck You’. Che altro dire? Un ottimo live album, proposto in Dvd e Blu-Ray con l’aggiunta di due cd audio, che poi è quello che mi hanno spedito da recensire (spero di aver capito bene). Come tutti i live di questo tipo però non è indispensabile… irrinunciabile per i die hard fan, gli altri possono tranquillamente passare oltre…
(Marco Pasini)

Submit a Comment