Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 16, 2018

Scroll to top

Top

No Comments

Panda Kid ‘Summetry’

Panda Kid  ‘Summetry’
Salad Days

Review Overview

8
8
8

Rating

PANDA KID
‘Summetry’-LP
(Mia Cameretta Records / Already Dead Tapes)
8/10

Potrebbero arrivare da Vicenza oppure da Santa Monica questi Panda Kid, certo è che sanno benissimo dove vogliono andare. Con il cuore nel garage rock e la mente persa in viaggi psych ereditati da chissà quali oscure band degli anni‘80, hanno registrato questo ‘Summetry’ su un vecchio Fostex a cassette, scelta pregnante che caratterizza non poco il risultato sonoro finale. In questo disco di rock’n’roll sospeso tra i Black Lips più scanzonati e i Birthday Party più danzerecci, melodie quasi pop vengono violentate da oculate soluzioni di arrangiamento e produzione. I colpi dati dal batterista sono scarni, ripetuti, ritmicamente ipnotici, sostengono perfettamente il lavoro sbilenco delle due chitarre e soprattutto della voce, impegnata in tradizionali linee da rock’n’roll anni ’60 cantate però con un encomiabile decadenza, spesso stonata. Niente è lasciato al caso: ‘Abracadabra’ si ripete come un mantra per poco più di un minuto, quasi a funzionare da intro per la successiva ‘Ice cream’, mid-tempo dai sapori squisitamente sixties, tra le canzoni maggiormente “standard” di tutto il disco. A ‘Long Long Summer’ sembra invece la colonna sonora di un vecchio filmino di vacanze al mare, al secondo ritornello di ‘Daltonic Eyes’ già stai cantando insieme alla band, la title track ‘Summetry’ sembra un singolo uscito dagli anni’80. Le canzoni vengono puntualmente rimescolate da un’attitudine compositiva molto libera, filtrate da riverberi ed echoes e schiacciate dalle distorsioni. Il contrasto stilistico messo in atto dai tre Panda Kid in mezz’ora di musica crea uno scenario etereo, quasi rarefatto, dove i suoni lo-fi sono mixati e prodotti con gusto e con un chiaro intento compositivo. Nove brani che sicuramente risuoneranno su parecchi giradischi, un album di rock’n’roll ricco di belle melodie e di spunti molto interessanti.
(Diego Pani)

Submit a Comment