Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | December 5, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

Port Noir ‘Any Way The Wind Carries’

Port Noir ‘Any Way The Wind Carries’
Salad Days

Review Overview

5.5
5.5
5.5

Rating

PORT NOIR
‘Any Way The Wind Carries’-CD
(Century Media)
5.5/10


Ascoltare ‘Any Way The Wind Carries’ degli svedesi Port Noir riporta alla mente le sonorità che andavano per la maggiore qualche anno addietro, ma che a conti fatti si sono rivelate come un fuoco di paglia: stiamo parlando di quel mix di alternative metal, nu prog e post rock che citavano a piene mani gli onnipresenti Tool sporcandone l’indole in modo più o meno marcato. Il primo, e probabilmente unico degno di menzione, nome che mi viene in mente in questo genere-non genere corrisponde ai Karnivool e in effetti il gruppo australiano, soprattutto nella declinazione più soft, mi ha ricordato molto l’operato dei Port Noir. A scanso di equivoci ‘Any Way The Wind Carries’ è un disco ben suonato, confezionato ottimamente e dove tutto sembra al posto giusto… peccato che questa perfezione formale non riesce a coinvolgere l’ascoltatore oltre ad un ascolto superficiale. La componente art-rock, particolarmente sviluppata per quanto riguarda la parte vocale, appesantisce poi l’ascolto e non rende agevole la voglia di approfondire il discorso. Peccato, perché le capacità ci sono tutte, e forse sono fin troppo critico nel giudicare un disco e una band che ha comunque tutte le carte in regola per fare breccia negli amanti di questo tipo di sonorità frastagliate e variegate.
(Davide Perletti)

Submit a Comment