Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | September 26, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Psychic Jail interview

PSYCHIC JAIL INTERVIEW
L’abito non fa il monaco, o almeno non nel caso dei romani Psychic Jail, che nonostante un look in piena linea con il trend odierno sfoggia un sound ben più aggressivo e personale…

SD: Dal vostro look si pensa subito alla classica band pop-punk, invece poi si ascolta ‘Autumn’ e… sorpresa! Siete tutt’altro. L’idea di dare questo forte contrasto immagine/sound è studiata a tavolino o com’è venuta fuori?

PJ: Possiamo affermare con certezza che non è niente di costruito, ci piace essere spontanei e rimanere sempre noi stessi. E ci piace, ma non solo rimanere come siamo, ma anche dare idea di una band totalmente differente da ciò che si pensa, per uscire un po’ dagli schemi che solitamente caratterizzano la nostra scena!

SD: A cosa è dovuta la scelta di affidarsi a un EP e non a un disco vero e proprio per il debutto discografico?

PJ: La scelta è dovuta all’interesse di voler sperimentare un cambiamento. Infatti durante quest’anno sono cambiate molte cose, ovvero abbiamo avuto cambi di line-up frequenti, ma soprattutto di genere musicale spostandoci su uno scenario più melodico, che è quello che ci rispecchia di più. Proprio da qui nasce l’idea di chiamare l’EP ‘Autumn’ proprio perche in autunno ci sono stati questi cambiamenti radicali nella band!

SD: Ascoltando i brani presenti ho apprezzato sia il vostro lato classico, ossia quello devoto a metalcore e derivati sia quello più easy del brano melodico. Questo mix di elementi verr

Submit a Comment