Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | June 16, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Pup ‘Morbid Stuff’

Pup ‘Morbid Stuff’
Salad Days

Review Overview

7.5
7.5
7.5

Rating

PUP
‘Morbid Stuff’-LP
(Little Dipper/Rise)
7.5/10


Non è difficile pronosticare come uno dei possibili album punk dell’anno la nuova “creatura” dei canadesi PUP intitolata ‘Morbid Stuff’: pensate a tutti gli elementi tipici della band di Toronto espressi al massimo delle proprie potenzialità e siete davvero vicini a farvi un’idea di come suona questo album edito per l’etichetta della band Little Dipper via Rise Records/BMG. Stefan Babcock è il vero mattatore di un disco che affronta argomenti tutt’altro che easy (depressione, inadeguatezza ecc…) ma con un piglio veloce e melodico che sdrammatizza il tutto. Il sound pop-punk ammantato di un retrogusto noise-grunge delle chitarre e di una produzione volutamente ruvida ci regala tanti episodi davvero convincenti a partire dalla titletrack per approdare ai ritornelli che è impossibile non canticchiare in tempo zero di ‘Free At Last’ e ‘See You At Your Funeral’ per concludere con l’esplosione di distorsioni di ‘Full Blown Meltdown’. I 38 minuti di ‘Morbid Stuff’ non lasciano spazio a ulteriori dubbi: i PUP sono pronti per assaltare e conquistare le playlist degli amanti del genere con un disco che decreta la piena maturità del quartetto canadese.
(Davide Perletti)

Submit a Comment