Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | October 24, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Purple ‘(409)’

Purple ‘(409)’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

PURPLE
‘(409)’-LP
(Pias Recordings)
7/10


Sulla carta i texani Purple hanno tutte le caratteristiche per rimediare una epica stroncatura: assetto tra l’hipster e l’alternativo primi anni ’90, sound non meglio definito tra il garage e il grunge, batterista/cantante parecchio disinibita e dulcis in fundo l’approvazione di Dave Grohl (che spesso ci becca, spesso no…). Gli indizi per storcere il naso ci sono tutti ma a conti fatti i Purple hanno azzeccato un disco d’esordio davvero divertente e ben riuscito, lontano dalla orrenda etichetta di White Stripes in acido che li accompagna piĆ¹ o meno coscientemente. I trenta minuti abbondanti di ‘(409)’ sono pieni zeppi di brani frizzanti come ‘Wallflower’, ‘Leche Loco’, la punkeggiante ‘Thirteen’ e la vagamente jameggiante ‘DMT’, tutte canzoni che vivono del nervosismo vocale e dell’eccentrica presenza della batterista Hanna Brewer, biondina dalla voce anfetaminica e dal drumming essenziale ma efficace. I suoi compagni di merende non dispiacciono e svolgono bene il compitino, soprattutto il chitarrista insospettabile debitore di un Dave Navarro d’annata e graffiante al punto giusto. Disco leggero leggero ma che si fa ascoltare dannatamente bene.
(Davide Perletti)

Submit a Comment