Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | May 17, 2022

Scroll to top

Top

No Comments

Reviews update

THE LAST KILLERS
‘Violent Years’-CD
(Go Down)

La presenza di Brian Auger è la prima cosa che colpisce, ma è la musica dei Last Killers a centrare veramente il bersaglio (senza dover concedere loro neanche un po’ di credito iniziale). Perché se il glorioso tastierista britannico, virtuoso dell’organo Hammond, abbellisce qualche canzone con la sua indubbia classe (tipo il bellissimo singolo ‘Flesh And Proud’), sono le schitarrate anni sessanta della band riminese a fare il vero lavoro grosso, riuscendo a coinvolgere l’ascoltare fin dal primo colpo di plettro. L’ispirazione primaria è quella delle garage/rock’n’roll band dei sixties, senza per questo voler scoprire per forza l’acqua calda; e non è certamente un caso che più avanti in scaletta sbuchi dal nulla la cover di ‘Yeah’, storico pezzo dei Cynics, quasi a voler ufficializzare il vincolo sentimentale (non soltanto musicale) con quel mondo. C’è il blues (‘Robot Lover’), c’è il beat (‘Just One Kiss’), c’è l’hard-rock (‘By Bye Baby’), c’è perfino un pizzico di psichedelia in queste dodici tracce fulminanti, che si muovono tra Detroit e Londra senza soluzione di continuit

Submit a Comment