Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | May 25, 2020

Scroll to top

Top

No Comments

Rope ‘Crimson Youth’

Rope ‘Crimson Youth’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

ROPE
‘Crimson Youth’-LP
(Sonatine Produzioni/Fresh Outbreak/Youth Of Today/Mother Ship/Nothing Left)
7/10


I Rope sono un nuovissimo gruppo nato dalle ceneri dei Tutti I Colori Del Buio, i cui membri hanno deciso di dare un taglio al loro passato metalloso in favore di un sound più fresco e accattivante, aggiungendo nelle loro fila il chitarrista dei defunti The Ponches, altro gruppo cardine della scena torinese, e dando alle stampe il loro lavoro di debutto ‘Crimson Youth’. Rispetto ai gruppi di provenienza il sound del quartetto va in una direzione quasi del tutto opposta, strizzando l’occhio ad una certa scena di San Diego (Hot Snakes, Drive Like Jehu) quanto a certe uscite SubPop (so che qualcuno di loro va matto per i Metz, Pissed Jeans), creano un ibrido tra il post hardcore melodico/dissonante e il noise rock. Il risultato sono 9 brani potenti ed abrasivi, esaltati anche dal mastering di Will Killingsworth (Orchid, Ampere, Bucket Full Of Teeth) ai Dead Air Studios nei USA. Un disco istintivo, feroce, magari ancora un po’ acerbo e derivativo, ma tenendo conto che il gruppo suona assieme da appena un anno, direi che questo è un ottimo biglietto da visita per una band che ha un potenziale interessante. C’è l’album in streaming qui su Salad Days, andate ad ascoltarvelo che è tempo ben speso, e magari leggetevi pure l’intervista!
(Michael Simeon)

0-11

Submit a Comment