Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image

Salad Days Magazine | December 12, 2019

Scroll to top

Top

No Comments

Shotgun Sawyer ‘Bury The Hatchet’

Shotgun Sawyer ‘Bury The Hatchet’
Salad Days

Review Overview

7
7
7

Rating

SHOTGUN SAWYER
‘Bury The Hatchet’-LP
(Ripple)
7/10


Come dei perfetti gentlemen gli Shotgun Sawyer non ci mettono molto per presentarsi alla loro maniera con una colata di riff rock fino al midollo, una voce effettata e alcolica e una cavalcata hard-fuzz da antologia (cfr. ‘Ain’t Tryin To Go Down Slow’). Con un incipit di questo tipo era lecito aspettarsi un disco dalle sonorità completamente a rotta di collo ma, sorpresa sorpresa, i nostri non si accontentando di ripetere la formula magica per tutto ‘Bury The Hatchet’ ma al contrario arricchiscono la tracklist di brani dal forte sapore blues (si scherza ma nemmeno troppo se diciamo che in ‘Let Me Take You Home’ sembra di trovarsi di fronte a dei Black Keys più credibili e rock?) e dai rimandi seventies che piacciono e anche molto. La chicca del disco corrisponde al nome di ‘Hombre’, sorta di bollente storiaccia a base di rock anni ’70 e carico blues di frontiera. Onore al merito ai ragazzi di Ripple Records che a memoria non hanno ancora sbagliato un colpo!
(Davide Perletti)

Submit a Comment